Nuovo libro firmato “Il parrucchiere del brivido”

I RACCONTI AL “BUIO ROSSO” DI ROBERTO RICCI

per Fed copertina  Buio Rosso- ANCONA – di Giampaolo Milzi – Il “parrucchiere del brivido”, all’anagrafe l’anconetano Roberto Ricci, torna sul luogo del delitto con il suo secondo libro di racconti.

Buio rosso”, edito il 10 settembre scorso da “Lampi di stampa”, ne contiene sei inediti, oltre ai quattro presenti nel precedente lavoro d’esordio autoprodotto, ormai introvabile.Dieci storie in cui i meccanismi classici del giallo si mescolano col nero del genere “horror”, trascinando il lettore in un caleidoscopico viaggio nella paura assoluta. Tra i racconti inediti ne spiccano innanzitutto due, il primo è “Guanti neri”. Un giallo dalle atmosfere torbide e angoscianti, dal quale è stato tratto un cortometraggio girato a Lido di Camaiore e diretto da Federico Tadolini, giovane regista già noto nell’ambiente “horror” per titoli di film brevi come “Orgia di sangue” e “Il collezionista”. Dopo la presentazione ufficiale, che si terrà in Toscana la notte di Halloween, “Guanti neri” in versione corto sarà distribuito in dvd. Brividi a go go anche con “Specchi infranti”, che vede un regista di film del terrore perseguitato da un sanguinario e misterioso assassino. E’ un vero e proprio omaggio al cinema della paura, specialmente quello Italiano degli anni 70 – 80. Altre due novità di “Buio rosso”, ovvero “L’inquietante nottambulo” e “La Ballerina” saranno oggetto di una suggestiva trasposizione a fumetti – curata dalle disegnatrici Elisabetta Gentilini Raffoni, anconetana, e Cinzia Luchetti, osimana – contenuta nell’albo già messo in cantiere dalla edizioni Inkiostro (di cui è attesa la presentazione al prossimo festival “Lucca Comics”).

Roberto Ricci il nickname d’arte di “parrucchiere del brivido” se l’è guadagnato sul campo. Nell’ottobre di due anni fa ha vinto il Premio Racconti nella rete (sezione cortometraggi) con “Il cappotto”, omonimo racconto (anche questo riproposto in “Buio rosso”) divenuto appunto un corto di grande successo in rete. Sempre nell’autunno 2012 ha fatto accapponare la pelle dei lettori con la sua raccolta d’esordio “Respiro tagliente”.

A questo punto, a qualcuno sarà venuta voglia di conoscerlo, Roberto. Niente paura, lui – ci tiene a precisarlo – resta soprattutto fedele all’arte del parrucchiere, che esprime con la stessa passione e creatività letteraria. E quindi potete “scoprirlo” all’opera nel suo salone di via Trieste 11/a ad Ancona.

Buio rosso” è acquistabile on line su www.lampidistampa.it, negli altri principali siti d’editoria, oltre che nelle librerie Feltrinelli, Ubik e Mondadori Gulliver. Per contattare l’autore: su Facebook “Roberto Ricci” – roberto-ricci@tiscali.it – tel. 071/2073030.

(articolo tratto da Urlo – mensile di resistenza giovanile)

Print Friendly
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppGoogle+TumblrEmailPrintFriendlyCondividi

Leave a Reply