Prima Pagina

Gelosia e futili motivi: sino a che punto lo stato passionale può ritenersi aggravante

Gelosia e futili motivi: sino a che punto lo stato passionale può ritenersi aggravantela Cassazione si pronuncia sulla configurabilità dell'aggravante di cui all'art. 61, co. 1 n. 1) c.p. di Dott.ssa Chiara Carioli Oggi più che mai i fatti di cronaca raccontano quasi quotidianamente episodi di violenza, aggressioni, o molestie scatenate da motivi sentimentali. Grandi emozioni che l’essere umano, inteso nel suo senso generico di uomo senza differenze di sesso, spesso fa fatica a gestire. Si innesca così giorno dopo giorno un sentimento di gelosia sempre più forte, fautore poi di gesti folli che in altre circostanze e con un’altra ragionevolezza non si sarebbero mai posti in essere. Ed è proprio nelle aule dei palazzi di giustizia che Autorità Giudicante, Pubblica Accusa e difensori, si domandano fino a [more]

Truffa online: il punto della Cassazione su consumazione e competenza territoriale

Truffa online: il punto della Cassazione su consumazione e competenza territorialeMOMENTO DELLA DEMINUTIO PATRIMONII IN RELAZIONE AI DIVERSI METODI DI PAGAMENTO di Avv. Michela Foglia La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3991/2018 si è recentemente pronunciata in merito ad un conflitto di competenza territoriale con riferimento al delitto di truffa contrattuale realizzata online. In considerazione della diffusione in misura sempre maggiore del fenomeno degli acquisti realizzati mediante la piattaforma informatica e, in particolare, su siti internet dedicati ad incrociare domanda e offerta di beni e servizi, appare interessante, al fine di meglio comprendere le conclusioni a cui è giunta la Suprema Corte, approfondire il fenomeno in questione. E’, difatti, indubbio come, realizzando una spersonalizzazione delle trattative negoziali costituenti una caratteristica peculiare degli [more]

L'istigazione e aiuto al suicidio secondo la Corte Costituzionale: il caso Cappato

L'istigazione e aiuto al suicidio secondo la Corte Costituzionale: il caso CappatoSENZA INTERVENTO LEGISLATIVO SARÀ INCOSTITUZIONALITÀ di Avv. Gabriella Semeraro Con l’ordinanza n.207 del 2018 la Corte Costituzionale ha affrontato la questione di costituzionalità dell’art 580 c.p. (istigazione o aiuto al suicidio), sollevata dalla Corte di Assise di Milano nell’ambito della vicenda giudiziaria instaurata nei confronti di Marco Cappato per il suicidio in Svizzera di Dj Fabo (per gli avvenimenti pregressi: https://www.fattodiritto.it/riflessione-giuridica-sul-suicidio-assistito-di-dj-fabo/; https://www.fattodiritto.it/marco-cappato-djfabo-corte-costituzionale/; https://www.fattodiritto.it/%E2%80%8Bcaso-cappato-esercizio-o-abuso-di-un-diritto/), pervenendo a una conclusione connotata da alta razionalità logica seppur non definitiva. Nonostante in prima battuta possa aver suscitato clamore la decisione della Corte Costituzionale, appresa poche settimane fa, di rinviare la propria pronuncia in merito alla questione, non può non riconoscersi, tramite una attenta disamina dell’ordinanza emessa, che la [more]

Ostetrica licenziata per rifiuto di vaccinarsi: quali vaccinazioni per il personale sanitario?

Ostetrica licenziata per rifiuto di vaccinarsi: quali vaccinazioni per il personale sanitario?OBBLIGHI VACCINALI PER IL PERSONALE SANITARIO: L'ANALISI del dottor Giorgio Rossi Negli scorsi giorni grande eco nei media locali e nazionali ha avuto il caso di un'ostetrica dell'Ospedale di Civitanova Marche ( Area Vasta 3, prov.di Macerata dell'ASUR -Azienda Sanitaria Unica Regionale-delle Marche) che sarebbe stata licenziata per giusta causa e senza preavviso per essersi rifiutata di sottoporsi alle vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari che lavorano in reparti specifici tra cui, appunto,ostetricia e ginecologia . Una vicenda che, stando a quanto riportato nei media, sarebbe iniziata alcuni mesi fa con colloqui, inviti, solleciti, ordine di servizio nei quali alla dipendente veniva indicato di sottoporsi ( secondo le indicazione del medico competente -medico [more]

Il 'Decreto Sicurezza' varato dal governo: l'analisi giuridica

Il 'Decreto Sicurezza' varato dal governo: l'analisi giuridicaSCOMPARE IL PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI UMANITARI E ALTRE NOVITA' PER GLI STRANIERI di avv. Eugenio Tummarello (esperto in diritto dell'immigrazione) E’ stato approvato il nuovo Decreto sicurezza del 05/10/2018 che così recita: Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché' misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Il Decreto introduce radicali cambiamenti in tema di Immigrazione e cittadinanza. Vediamo i punti salienti del Titolo I in estrema sintesi in materia di immigrazione:  La principale misura introdotta riguarda l’eliminazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari, un permesso residuale [more]

Il 'Sistema' gratta & vinci e la dipendenza

Il 'Sistema' gratta & vinci e la dipendenzaPROVIAMO "A DARE I NUMERI" di avv. Osvaldo Asteriti ** Ci sono attivi oggi 47 gratta & vinci diversi e il loro prezzo varia da 1 a 20 euro. Solo come primo lotto hanno distribuito 1.735.680.000 tagliandi. Considerando un peso medio di 3 grammi a tagliando, oltre 5.200 tonnellate di materiale nocivo per la salute. I gratta & vinci sono il gioco d’azzardo più praticato in Italia, da adulti e minori. Secondo i dati di un recente studio dell’Istituto superiore di sanità, nel 2017 hanno giocato d’azzardo 700.000 minori, a cui il gioco d’azzardo è vietato per legge e di questi, 70.000 soffrono di disturbi da gioco d’azzardo. La distribuzione dei g&v è capillare, [more]

Gioco d’azzardo patologico, al via lo studio nella Regione Marche per la prevenzione e la cura

Gioco d’azzardo patologico, al via lo studio nella Regione Marche per la prevenzione e la curaPrenderà avvio nei prossimi giorni GAPS - Gambling Adult Population Survey, lo studio condotto dall’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifc) fortemente voluto e finanziato dalla Regione Marche nell’ambito del piano per la prevenzione e la cura delle problematiche legate al gioco d’azzardo. Sarà attivo tra ottobre e dicembre 2018 su 25 comuni marchigiani campionati, per un totale di 10.000 residenti. I soggetti, selezionati in maniera casuale dalle liste anagrafiche tra i 15 e i 74 anni, riceveranno a casa un questionario cartaceo, assolutamente anonimo a garanzia della privacy dei partecipanti, che contiene una serie di domande riguardanti le opinioni personali, le conoscenze possedute e i comportamenti adottati [more]

Calendario Venatorio Marche 2018-2019: il Consiglio di Stato accoglie il ricorso del WWF Italia e della LAC

Calendario Venatorio Marche 2018-2019: il Consiglio di Stato accoglie il ricorso del WWF Italia e della LACSOSPESA LA CACCIA NELLE AREE DELLA RETE NATURA 2000 E NEL MESE DI FEBBRAIO Il Consiglio di Stato, con Provvedimento n. 5165/2018, ha accolto le richieste delle Associazioni WWF e LAC con cui si chiedeva la sospensione del Calendario Venatorio Regionale che autorizzava in maniera del tutto illegittima la caccia nelle aree della Rete Natura 2000 e nel mese di febbraio, in totale assenza di una pianificazione venatoria, peraltro prevista dall’attuale normativa. La risposta della Giustizia Amministrativa quindi non si è fatta attendere, cancellando con un provvedimento che possiamo definire “storico” e che sicuramente rappresenterà un precedente importante anche a livello nazionale, l’anomalia marchigiana, ripristinando il diritto e ponendo le basi per le [more]

Violenza o minaccia e resistenza a pubblico ufficiale: concorso formale di reati?

Violenza o minaccia e resistenza a pubblico ufficiale: concorso formale di reati?LE SEZIONI UNITE SULL'APPLICABILITÀ DELL'ART. 81, PRIMO COMMA, C.P. AI DELITTI DI CUI AGLI ARTT. 336 E 337 C.P. di Avv. Michela Foglia Sono state depositate lo scorso 24 settembre le motivazioni della sentenza delle Sezioni Unite n.40981/2018 con la quale la Corte di Cassazione si è pronunciata sul quesito “Se in tema di resistenza a un pubblico ufficiale, ex art. 337 c.p., la condotta di chi, con una sola azione, usa violenza o minaccia per opporsi a più pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio, mentre compiono un atto del loro ufficio o servizio, configuri un unico reato ovvero un concorso formale di reati o un reato continuato”. La fattispecie criminosa in [more]

Il censimento degli immobili occupati abusivamente

Il censimento degli immobili occupati abusivamenteCIRCOLARE DEL MINISTERO DELL'INTERNO di avv. Gabriella Semeraro Lo stabilisce la circolare n. 11001/123/111 emanata dal Ministero dell’Interno in data 01/09/2018 sul tema dell’occupazione abusiva degli immobili, già affrontato con il D.L. 14 del 2017, convertito poi in legge n. 48 del 2017. La stessa asserisce come l’occupazione abusiva di immobili sia una delle principali problematiche del nostro Paese, tale da considerarne primario il contrasto ai fini di una riqualificazione delle aree periferiche dei grandi centri urbani e ai fini della riduzione dei fattori di marginalità sociale. Con la direttiva del 18 luglio 2017 e quella del 1° settembre 2017, il Ministero dell’Interno aveva già tentato di fornire ulteriori strumenti ed indirizzi di supporto [more]

Ecco il decreto spazzacorrotti.

Ecco il decreto spazzacorrotti.NUOVE REGOLE ANTI CORRUZIONE:L'ANALISI di avv. Alessia Bartolini Dopo lo “spacchettamento” del reato di concussione con la legge Severino n. 190/2012, la legge c.d. anticorruzione n. 69/2015 che aveva inasprito ulteriormente il trattamento sanzionatorio per i delitti di corruzione, concussione e peculato, ecco che, lo scorso 6 settembre, viene approvato dal Consiglio dei Ministri un nuovo disegno di legge recante "Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione" su proposta del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il ddl “Spazzacorrotti” è stato fortemente voluto dal Movimento 5 stelle nell’ottica di questo nuovo scenario politico “rivoluzionario”. A quanto pare, tuttavia, occorrono numerosi sforzi legislativi per poter davvero gridare al cambiamento e parlare [more]

Il Garante Privacy pubblica il testo coordinato del Codice adeguato al GDPR

Il Garante Privacy pubblica il testo coordinato del Codice adeguato al GDPRL'ANALISI DEL TESTO di AVV. TOMMASO ROSSI Anche il decreto legislativo n.101 del 10/8/2018 (c.d. “Decreto GDPR”) è finalmente entrato in vigore, il 19 settembre. Un altro tassello verso l’adeguamento degli Stati membri al Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati, n. 679/2016. Subito dopo, sul sito del Garante, è stato pubblicato un testo coordinato del Codice della Privacy adeguato al Regolamento europeo. Il cd. Codice della Privacy è, ovviamente, il “vecchio” DECRETO LEGISLATIVO 30 giugno 2003, n.196 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali”; la “nuova” versione pubblicata sul sito del Garante altro non è che una sorta di integrazione dello stesso con  quanto disposto dal d.lgs. 101/2018 che [more]

PRIMA PAGINA

Focus Giuridici »

Inchieste »

AMBIENTE E INNOVAZIONE »

Diritto alla Salute »

CULTURA & SPETTACOLI »

LE GRANDI BIOGRAFIE »

Fatto&Diritto Giovani »