Mordono e ammaliano gli Sharks in Your Mouth

SONORITA’ METALCORE GIOVANI E POTENTI

 di Damiano Toppi

band sharks-  Montegranaro (FM) -I luoghi comuni sono duri a morire. E c’è chi all’estero si ostina a definire noi figli di Dante col binomio “pizza e mandolino”.

Ebbene, se certa gente avesse avuto l’occasione di visitare le nostre Marche, avrebbe gustosamente scoperto prelibatezze tipo stoccafisso, “moscioli” (cozze), olive ascolane…
E chissà, avrebbe spalancato le orecchie alle note energiche, violente e tutt’altro che tarantellesche che esaltano le centinaia di fan degli Sharks In Your Mouth.
Questa band, uscita con il promo-cd intitolato “Rinse your mouth before you speak”, scandito da cinque brani, sta rapidamente crescendo, abbandonando a soli due anni dalla realizzazione del progetto, live dopo live, il bozzolo che la relegava allo stadio di gruppo di provincia che cerca di imitare ben più affermate formazioni straniere. Finalmente un pubblico molto più vasto può godere delle cupe sfumature sonore che la caratterizzano. Gli Sharks sono come una mutante, intrigante farfalla dentata, pronta a mordere ed ammaliare negli sconfinati giardini-platea in cui sta per spiccare il volo.
I testi, carichi di delusioni, paure e dolori, sono stati sapientemente spalmati su riff taglienti e pesanti come un machete. Caratteristica, questa, tipica del metalcore, genere figlio del trash metal degli anni ’90 e dell’hardcore punk.
Negli ultimi mesi questi cinque ragazzi di Montegranaro (FM)  hanno diviso il palco con formazioni d’oltralpe e d’oltreoceano, arrivando a pubblicare un brano scritto e registrato in collaborazione con Richard Lardner, leader degli Odessa, celeberrima band metalcore di Birmingham (UK).
L’augurio è che si apra la strada del successo. Del resto il vento dei consensi riscossi sembra soffiare a poppa per  Daniele Monaldi (chitarra), Nich Mariantoni (chitarra), Michael Sebastiani (basso), Fabio Marcatili (batteria) ed Andrea Pali (voce).
Non vi resta che visitare la loro pagina facebook ( http://www.facebook.com/sharksinyourmouthIT ) ed il profilo reverbnation (http://www.reverbnation.com/sharksinyourmouth) per ascoltare i loro brani ed aiutare la loro energia a raggiungere più timpani auricolari e cuori possibili.

 (tratto da Urlo – mensile di resistenza giovanile)

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply