Lo psycho-stoner-rock dei Palmer Generator

 OTTIMO CD D’ESORDIO PER LA BAND JESINA

 di Davide Pesaresi

foto Palmer Generator– Jesi (An) -Palmer Generator come Palmieri, ovvero stoner rock formato famiglia. Nel senso che nel trio che presentiamo in questa puntata della rubrica scorre lo stesso sangue ruggente e creativo, composto com’è da due fratelli e dal figlio di uno di questi. E buon sangue non mente. Questa band jesina si rivela, col suo piglio stilistico anni ’90 ma molto alternativo, una delle più interessanti del panorama cantinaro-undreground marchigiano. Tommaso “Polti” Palmieri (chitarra), Michele Palmieri (basso) e il suo tamburellante pargolo Mattia (batteria) hanno fatto sbocciare il gruppo nella primavera 2010. Condividendo la passione per gli americani Tool e per tutto ciò che ha a che fare con la psichedelia e il post-rock. Tanto che il loro Cd d’esordio “(e)motionless”, pubblicato nel febbraio del 2013, suona quasi come il bimbo mai nato dei Tool a cavallo delle due opere “Ænima” e “Lateralus”. Influenza Tool a parte, lo stile dei Palmer Generator è un calderone di suoni distorti, oscuri e suggestivi. Che provoca sensazioni difficili da descrivere a parole. Si possono solo provare ascoltando con le proprie orecchie. Ne è prova una delle prime tracce dell’album, “Phoneutria”, che incalza subito con piglio acido e psichedelico. La collaborazione per questo brano di un suonatore di flauto peruviano, Andrea, lo rende ancora più sibillino. Musica cupa e pesante, eppure con una certa vocazione melodica derivante dagli stati d’animo compositivi dei tre Palmieri. Certo, si tratta di melodie arcane e “maligne”, che ricordano quelle generate negli anni ’70 dai Black Sabbath. Oggi i Palmer Generator cercano un po’ di emularle, come accade negli ottimi pezzi “Awaken” e “Enliven”, quest’ultimo coi suoi 10 minuti forieri di pura estasi mentale. Tra una traccia e l’altra di “(e)motionless” registriamo anche una costante crescita evolutiva delle sonorità, tendente verso nuovi orizzonti espressivi. E’ ancora lunga la strada per i Palmer Generator, ma hanno le doti per compierla tutta e con meritato successo.

Per informazioni e contatti: http://palmergenerator.bandcamp.com

https://www.facebook.com/pages/Palmer-Generator/146388498748077

- palmer.generator@live.it

(tratto da Urlo – mensile di resistenza giovanile)

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply