Kariobangi, la mia scuola di vita

L’ESPERIENZA DI UNA VOLONTRARIA ITALIANA NELLA SLUM DI NAIROBI

di Clarissa Maracci

 


IMG_2253NAIROBI, 3 Dicembre 2013 – “La nostra comunità, è nostra responsabilità” questo è il motto dei gruppi giovanili di Kariobangi Nord, una delle baraccopoli che circondano Nairobi City. Kariobangi Waste Management Alliance, è il nome che i 320 giovani del ghetto hanno deciso di darsi.

E poi ci sono io, una “giovane” italiana (ormai ventottenne), proveniente da una regione rurale del centro Italia, volontaria presso una piccola ONG locale chiamata PEACE (Poverty Eradication and Community Empowerment).

Che cosa abbiamo in comune? Quali sono le sfide comuni e le differenze tra i giovani europei e di quelli che sono cresciuti nel ghetto di Nairobi? Perché è così importante avere uno scambio culturale tra coetanei provenienti da realtà socio-culturali così diverse? Cosa possiamo imparare gli uni dagli altri?

La maggior parte dei bianchi (wasungu) che si trasferiscono a Nairobi amano vivere in posti lussuosissimi come come Westland, Lavington, Karen …. ma personalmente, io amo Kariobangi. Amo la sua gente, i suoi colori e perfino la polvere. Che cosa rende questo luogo così speciale per me? Perché è così difficile lasciare questa realtà?

IMG_3217Quando sono entrata per la prima volta nella slum di Kariobangi, facevo davvero fatica a respirare: la spazzatura accumulata lungo le strade produce un odore di cibo avariato, di plastica bruciata, rifiuti organici e altri materiali di scarto. I bambini giocano con quella spazzatura, polli e le capre si alimentano nell’acqua stagnante lungo le strade,  mentre le donne cucinano accanto alle montagne di rifiuti e ai fumi neri delle auto. L’ambiente è malsano e pericoloso sia per esseri umani ed animali.

Tuttavia, c’è qualcosa di speciale per chi lavora come volontario nella baraccopoli: si può vedere di giorno in giorno come la comunità inizia ad accettarti, apprezzando il tuo sforzo e scopo genuini. Personalmente, sono stata “adottata” dalla Kariobangi Waste Management Alliance, questo gruppo locale di giovani uomini e donne unitisi per migliorare la vita nello slum, affrontando in primis la questione dei rifiuti per ripulire le strade fangose e inquinate di Kariobangi.
IMG_2527L’Alleanza è composta da 11 gruppi, con una media di 20 persone ciascuna. I soci sono uomini e donne, tra i 18 ei 35 anni. In totale, l’Alleanza comprende 320 membri attivi, nati e cresciuti nel ghetto di Kariobangi. Seguendo le loro attività di clean-up, sono stata coinvolta nella vita della comunità e ho potuto provare sulla mia pelle quel senso di “socialismo” che porta le persone ad unirsi e combattere per una vita migliore usando la loro creatività, legati da una socialità dimenticata o forse mai sperimentata nei paesi sviluppati .

Lo scambio interculturale con i giovani del ghetto è anche l’occasione per condividere le nostre esperienze personali e imparare gli uni dagli altri ciò che il nostro background personale non è stato in grado di offrirci. Mentre io condivido con loro l’Italia, il trinomio Berlusconi-Balotelli-Briatore – il primo rappresenta per loro lo status symbol del potere, il secondo quello del successo e il terzo quello del tipico italiano a Malindi – loro mi raccontano della politica del Kenya, delle tribù e le tradizioni; la mafia, un problema che riguarda sia l’Italia e il Kenya con radici diverse, ma un sistema comune; oltre alla mafia, un’altra cosa in comune è l’”ugali”, che si chiama “polenta” nel nostro paese!

Mentre sto cercando di dare il massimo per migliorare il lavoro di questo gruppo, ho imparato molto di più di quanto potessi mai aspettare. Quello che ho imparato è quel senso di comunità, che è vincolante per i giovani e legittima l’individualità; ho compreso che la disoccupazione è un problema in tutto il mondo per questa generazione, con l’unica differenza che in Italia possiamo ancora contare sulle nostre famiglie; ho infine imparato che la cosa migliore è quella di condividere quello che hai, anche se non si disponi di molto; infine, posso dire che lo slum è molto più divertente di qualsiasi altro posto in cui sono stata.

IMG_2555Dagli occhi di un italiana, la slum è un luogo affascinante, pieno di giovani che vogliono migliorare la loro vita. L’Italia è vecchia, non solo per i musei, per il peso della nostra storia e l’età media della popolazione: in Europa abbiamo una vecchia mentalità, i nostri pensieri sono fissi. Per noi è troppo difficile allontanarsi da quei modelli che sono stati costruiti secoli fa, avviati durante la rivoluzione industriale.

Nella baraccopoli, si vive per oggi, domani si potrebbe fare un altro lavoro, la vita potrebbe cambiare completamente da un momento all’altro. C’è una sensazione di dinamismo continuo che taglia trasversalmente ogni attività, progetto e relazione. Nulla è “statico”. Nella vecchia Europa, si sa esattamente cosa si sta per fare nella vostra vita dal momento in cui si è un adolescente; qui c’è speranza nel raggiungimento di qualcosa, ma non è affatto difficile accettare un cambiamento di direzione. Non c’è la sicurezza di nulla, per cui non si può aver paura di perdere qualcosa.

Ciò che è più spaventoso per la nostra cultura è quando un avvenimento inaspettato rovini i nostri piani, quei piani che il nostro ambiente sociale ci costruisce addosso fin dall’infanzia. Qui, il cambiamento è abbracciato con gioia quando è positivo o con senso di religiosa accettazione quando si tratta di uno negativo. La maggior parte dei giovani del ghetto hanno già attraversato un periodo di alcoolismo e abuso intenso di droghe, connesso spesso a furti e rapine: quelli che sono sopravvissuti hanno voglia riscattarsi. I fallimenti nella vita sono molto più importanti del successo in termini di crescita personale e comprensione del senso della vita.

IMG_2559Quando i miei amici italiani mi chiedono “cosa stai facendo lì?” Io rispondo che sto studiando nell’Università della Vita, anzi nel Master della Vita! Dopo tanti anni di studi accademici spesso ci si ritrova incapaci di vivere, trattare con la gente, capire le loro menti e i loro comportamenti, prendere una decisione rapida e ragionevole, accettare il cambiamento e gli insuccessi dei propri piani. Qui ho imparato ad accettare la vita per quello che è, ed ho abbandonato il mio modo individualistico di vivere; qui, quando parlo di quello che sto facendo, uso la parola “NOI” e quando faccio un piano per domani, non importa se alla fine farò l’opposto. Questi e molti altri sono i motivi  per cui amo Kariobangi.

 

 

 

 

 

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply