Giornalismo, targa per un Urlo lungo 20 anni

PREMIATO IL MENSILE DI RESISTENZA GIOVANILE

1 targa Urlo
Giampaolo Milzi, direttore del mensile Urlo,
riceve la targa da Dario Gattafoni, presidente
dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche

- Senigallia (AN) – “Vent’anni di informazione mai scontata ed espressione del mondo giovanile”. La dice lunga la motivazione incisa nella targa con cui l’Ordine dei Giornalisti delle Marche ha voluto premiare la redazione del free-press Urlo-mensile di resistenza giovanile. Breve ma elettrizzante la cerimonia della consegna del riconoscimento, nelle mani del direttore di Urlo, il giornalista anconetano Giampaolo Milzi, svoltasi nella mattinata di domenica scorsa all’Istituto Alberghiero di Senigallia. Autorevole l’occasione, uno degli incontri territoriali dell’organismo di categoria, presieduto da Dario Gattafoni. Che al termine di un dibattito, e nel porgere la targa a Milzi, ha fatto i complimenti a lui e ai suoi collaboratori augurando alla resistente equipe mediatica “almeno altri 20 anni di Urlo”.

Una bella sfida che continuerà, grazie – ha risposto Milzi, che è anche direttore del web magazine Fatto&Diritto – Tanto più nel periodo in cui il sistema mediatico nazionale e locale accusa i colpi di una crisi generale – politica, sociale ed economica – che non rema certo a favore del pluralismo e della qualità dell’informazione”. Già, pluralismo e qualità. “Di Urlo apprezziamo soprattutto la capacità di approfondimento critico, di inchiesta, di raccogliere tante voci”, ha sottolineato il presidente dell’Ordine Giornalisti Marche Gattafoni. Vent’anni da record, per un mensile di 12-14 pagine, distribuito gratuitamente in 3000-4000 copie nelle più importanti località della provincia di Ancona, forte di una grafica intrigante e originale e di contenuti “mai scontati”, appunto.

Un momento del dibattito prima della premiazione
Un momento del dibattito prima della premiazione

Quanto al sottotitolo della testata “di resistenza giovanile”, il suo significato è andato via via cambiando, dal primo numero del marzo 1993. In che senso? Sì, spazio sempre al mondo giovanile in continua evoluzione, e quindi a tematiche come quelle culturali, artistiche, associative, del terzo settore che lo vedono protagonista. Spazio alla formazione, perché Urlo è diventato una rinomata e consolidata palestra per aspiranti operatori della carta stampata. Ma la costante attenzione ad argomenti legati ad istruzione, lavoro, sviluppo eco ed equo compatibile, diritti, partecipazione democratica, valorizzazione dei beni e delle risorse del territorio e dell’ambiente, mutazioni sociali sempre più multietniche, hanno reso il “target” di Urlo sempre più generalista e affezionato, al di là dell’età anagrafica.

 

 

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply