Rock in carcere a Barcaglione, arrivano i Modena City Ramblers

Grande partecipazione per il Festival Barcarock: canti dal carcere.

Ad animare il pubblico non sono solo i ristretti del carcere Barcaglione, ma un numeroso pubblico esterno, che nelle calde giornate estive hanno fatto ingresso in carcere nel cortile dell’ora d’aria.

Ad inaugurare il Festival, la Macina di Gastone Pietrucci, che ha aperto l’anteprima del Monsano folk festival proprio dentro le mura cintate, a seguire la GANG con le loro sonorità folk rock.

A chiudere l’edizione del festival, sabato 23 settembre alle 15 salirà sul palco del Barcaglione I MODENA CITY RAMBLERS, nel penitenziario di Ancona per presentare il loro nuovo album “Mani come rami, ai piedi radici”.

I due organizzatori del festival, Marino Severini della GANG e Francesca Marchetti dell’associazione Art’O si dicono soddisfatti dell’iniziativa, tanto che a novembre, sull’onda lunga del Barcarock, si inaugurerà lo SPAZIO MUSICA nel carcere, dove i detenuti potranno imparare a suonare i diversi strumenti, a suon di chitarre, organetti e batterie e creare una rockband interna dove poter suonare e migliorare la loro vita detentiva: utilizzare la musica come un grimaldello per liberare energie positive ed accompagnarli verso un percorso naturale di rieducazione.

Da sempre, la musica abita i luoghi della reclusione, memorabile il famoso concerto di Jonny Cash nel carcere di massima sicurezza di Folsom nel ‘68, non poche sono le canzoni legate al mondo del carcere; un mondo maledetto quanto fonte di grande ispirazione.
E’ possibile partecipare al concerto dei MCR inviando una mail entro mercoledì 20 settembre a: barcaglioneagrirock@gmail.com 

Print Friendly
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppGoogle+TumblrEmailPrintFriendlyCondividi

Leave a Reply