La raccolta e (è) la dipendenza. I dati del gioco d’azzardo

Il volume delle giocate diviso per il numero dei giocatori che le hanno effettuate denuncia la diffusione e la gravità della dipendenza da gioco d’azzardo

di Avv. Osvaldo Asteriti

I dati, soprattutto se forniti con il sistema dei valori medi, possono servire a mascherare un fenomeno, piuttosto che a renderlo evidente.

Secondo i dati diffusi da aams, nel 2018 la raccolta dei giochi d’azzardo, cioè l’insieme delle giocate, ha raggiunto la somma di 107,3 mld di euro, in lire più di 200 mila miliardi, segnando, nonostante i proclami politici contro l’azzardo e le “azioni” di prevenzione e contrasto, un più 5% rispetto all’anno precedente.

Per arrivare a un valore medio attendibile, significativo, questa somma deve essere divisa per il numero di giocatori. Ma quale, tutti gli italiani, “neonati compresi”, come propongono coloro che definiscono “ludopatia” la dipendenza da gioco d’azzardo e “proibizionismo” ogni tentativo di regolamentare l’offerta di azzardo o addirittura, come pure suggeriscono, sostituire la raccolta con la spesa, ottenuta sottraendo alla prima le vincite?

Se il gioco d’azzardo avesse solo un valore economico, questo sistema avrebbe forse una sua ragionevolezza, ma parlando di disturbi da gioco d’azzardo risulta evidente che il dato da prendere in considerazione non può che essere la raccolta, cioè la somma comunque immessa nel circuito del gioco d’azzardo, leggibile anche in termini di tempo speso per il gambling, suddivisa per il numero dei giocatori che l’hanno prodotta. 

Ci sono evidenze scientifiche attendibilissime (studi recenti dell’Istituto superiore di Sanita e del CNR) che consentono di determinare in 18 milioni il numero di italiani che hanno giocato d’azzardo almeno una volta nel 2018.

In media, quindi, ognuno di essi avrà giocato e rigiocato d’azzardo circa 6.000 euro/anno (€ 5.961,11), ogni giorno € 16,33.

Applicando l’altro sistema è come se, discutendo di diffusione e gravità della dipendenza da alcool in Italia, sapendo che una famiglia di 5 persone consuma un litro di vino al giorno, dividessimo il vino consumato per i componenti della famiglia, arrivando a conclusioni (falsamente) tranquillizzanti, considerando che il consumo medio apparirebbe di 100 ml di vino a pasto, meno di un bicchiere ciascuno.

E questo sarebbe sicuramente il sistema utilizzato dalla “filiera” enologica. Ma se apprendessimo da ricerche terze che in quella famiglia, la moglie fosse astemia e i tre figli di 2, 5 e 8 anni, ovviamente non bevessero alcolici, dovremmo concludere che tutto il vino lo ha bevuto una sola persona e sarebbe ipocrita esporre false medie “neonati compresi”, per tranquillizzare le persone e continuare a fare business.

Nonostante gli immaginabili artifici logici e dialettici della filiera per giustificarlo e mascherarlo, il dato reale sarebbe molto preoccupante, anzi drammatico. 

Print Friendly
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppGoogle+TumblrEmailPrintFriendlyCondividi

Leave a Reply