Vacanzieri in un mare di stress

NON CI RESTA CHE RIDERE CON “FATTI & STRAFATTI”

di Paola Frontini – Il lavoro pesa, la gente inizia ad andare in ferie. Qualcuno, come me, si dedica al volontariato. Avevo fatto domanda come volontaria ai vigili del fuoco, ma non mi hanno preso perché sono troppo bassa. Gli ho detto: “Guarda che devo spegnere incendi, mica raccogliere banane!” Per cui ho dovuto ripiegare per l’ambita e comunemente bramata vacanza al mare. Molti dicono che non vedono l’ora di rilassarsi. Ma quale relax? Al mare è pieno di gente disoccupata, cassintegrati, tutti incazzati come oranghi monociglio! Hanno le sopracciglia talmente aggrottate e unite che si mandano a quel paese l’un l’altra!
L’altro giorno monto in auto per scendere in spiaggia ad andare a prendere mia madre. Faccio in tempo a mettere le quattro frecce ed ecco che subito un tizio mi suona sparandomi assordanti “Biiiiip – Biiiiip!” – “Dai! dai!”, gli dico,“Il clacson funziona!, adesso prova le luci”
Il giorno dopo preferisco andare a piedi, uscita alle otto. Fortunatamente non c’è nessuno. Vabbè, ci provo. Mi sdraio al sole con l’asciugamano e poco dopo decido di farmi una bella nuotata. Torno dopo mezz’ora, e l’asciugamano è già diventato una sorta di gomitolo affogato nella ghiaia, manco ci fossero passati cento bufali al galoppo. Non c’era, nessuno… Adesso in spiaggia sono completamente circondata da una famiglia di miei simili che sembrano usciti da un campo profughi. Hanno di tutto: tenda, fornelli da camping, ombrelloni, sdraie, talmente tanto cibo da riempire un rifugio antiguerra. Cibo!… Avete notato quante ossa di pesca sotterrano i bambini quando non ve le sputano addosso? Se fai degli scavi ti ci scappa un orto bio-dinamico! Vi sembra rilassante sdraiarsi sull’asciugamano e sentire le bozze delle ossa di pesca sulla schiena?
Ma c’è dell’altro. Tipo le indicazioni dei genitori alla prole: “Non fare il bagno!”, “Non correre!”, “Non ti sporcare!”, “Non fare le buche!” Perché fate così? Cosa ce li portare a fare i bambini? Mica è un mare dei divieti? Ho sempre desiderato avere una famiglia, ma quando vedo queste scene, tutte le volte che mi viene il desiderio… aspetto che mi passa!
Chi lo dice che le ferie rilassano? A me il mare stressa così tanto che mi tocca mettermi tutti i giorni sotto la doccia per almeno 5 minuti!, ogni tanto apro l’acqua!

(tratto da Urlo – mensile di resistenza giovanile)

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply