‘Volevo le caramelle ma non avevo i soldi’, furto da 78 centesimi. Per l’anziana pagano gli agenti

MILANO, 10 GIUGNO ’12 – Una giornata come tante, tra le corsie e gli scaffali del supermercato “Pam”, in corso XXII Marzo a Milano. Tra i carrelli e le buste, i clienti indaffarati e frettolosi, non sfugge al direttore della piccola filiale del market il gesto inconsulto di una donna di 76 anni, che afferra un pacchetto di caramelle e se lo infila in tasca. Un piccolo furto, da 78 centesimi, ma il giovane direttore, 37 anni, ligio al suo ruolo, ha comunque inseguito l’anziana fino all’esterno del market e ha chiamato la polizia. Quando in corso XXII Marzo sono intervenuti gli agenti della volante della Questura di Milano e hanno parlato con l’anziana, l’aspetto umano ha avuto il sopravvento sul dovere imposto dalla divisa e dal giuramento. Anziché denunciarla, hanno cercato di capirla. L’anziana si è mostrata mortificata, dispiaciuta per aver preso quelle caramelle. Era spaventata la nonnina, quando ha ammesso agli agenti “volevo le caramelle, ma non avevo i soldi”. E quando una donna di quell’età è costretta ad ammettere un furto così banale e umiliarsi perché non ha i soldi per comprare un pacchetto di caramelle da 78 centesimi, non c’è divisa che tenga. Gli agenti hanno ragionato da padri, da figli, da nipoti e anziché denunciare l’anziana all’autorità giudiziaria per furto, hanno mediato con il direttore e dopo averlo convinto a non sporgere denuncia, le caramelle gliele hanno comprate loro. Alcuni clienti, presenti in quel momento nel supermercato, li hanno applauditi.

TALITA FREZZI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply