Volevano seppellire viva una bambina per avere un figlio maschio. Arrestati padre e zio

NEW DELHI, 11 MAGGIO ’12 – Stavano per seppellire viva una bambina perché volevano un figlio maschio in famiglia ma, per fortuna, padre e zio sono stati arrestati giusto in tempo. I familiari della ragazzina si erano rivolti ad un guru, tale Champi ora latitante, che aveva consigliato loro il macabro rito pur di avere il figlio del sesso desiderato. I fatti sarebbero avvenuti a Pilkhuwa, località distante una quarantina di chilometri da Nuova Delhi, e sono stati confermati dalla stampa locale nonché dal sovrintendente della polizia del posto. A dare l’allarme sarebbe stato l’impiegato di un crematorio che avrebbe visto i due uomini scavare una fossa portando con loro un fagotto dal quale proveniva un pianto straziante. La polizia giunta sul posto non ha potuto fare altro che constatare l’accaduto e arrestare padre e zio della piccola per tentato omicidio. Il guru tantrico invece, ricercato da tempo, risulta latitante. Quanto accaduto a Pilkhuwa non è certo una novità nel Paese, molte famiglie infatti considerano una sventura la nascita di una figlia femmina, ecco perché il governo indiano si è visto costretto a prendere provvedimenti. Negli ospedali di tutto il Paese, infatti, i sanitari hanno l’obbligo di tacere il sesso dei nascituri durante le ecografie poiché la nascita di una bambina, soprattutto nelle zone più arretrate, è considerata una sciagura per l’economia della famiglia.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply