Tragedia in Svizzera: forse l’autista stava maneggiando un dvd

 SIERRE , 16 MARZO ’12 – Questa mattina tutto il Belgio si è fermato in segno di lutto per le 28 vittime del drammatico incidente avvenuto martedì scorso in Svizzera e in cui sono deceduti 22 bambini  di ritorno dalla settimana bianca (http://www.fattodiritto.it/tragedia-in-svizzera-si-schianta-un-pullman-e-muoiono-in-28-di-cui-22-sono-bambini/ ). Nel Paese dei giovani è stato proclamato il lutto nazionale, ma la notizia ha sconvolto l’intera Europa ed oggi a Bruxelles, tutte le bandiere innanzi alle istituzioni UE, saranno a mezz’asta.
Stanotte sono rientrati i primi bimbi sopravvissuti: sono 13, giunti  nella notte con un volo militare nella capitale belga. Le condizioni di 3 ragazzi è ancora molto grave e sono ricoverati in prognosi riservata all’ospedale di Losanna, mentre continua lo straziante via vai dei genitori delle vittime, giunti nella località svizzera per il riconoscimento. A loro disposizione uno staff  di medici e di psicologi per aiutarli a gestire un dolore che è difficile solo immaginare.
S’indaga ancora sulle cause del terribile impatto e, anche se ogni speculazione appare veramente fuori luogo, si stanno formulando le prime ipotesi: si era già detto di un possibile malore dell’autista, deceduto anche lui, ora un giornale belga, il ‘Het Laatste Nieuws’ ha pubblicato sul suo sito delle testimonianze di alcuni bambini sopravvissuti, che hanno riferito che poco prima dell’incidente all’autista era stato passato un dvd per essere inserito e questo avrebbe comportato  una sua fatale distrazione. La polizia per ora ha smentito questa versione e lo stesso Procuratore Generale di  Sion, Olivier Elsig, ha detto che sono racconti fatti dai bambini ai loro genitori, ma che nessuno ha visto direttamente l’autista che inseriva il dvd e che comunque dall’autopsia effettuata sul  suo corpo, non risultano tracce di alcol nel suo sangue. Tom Cooremans, presidente della compagnia proprietaria dei veicoli, la Toptours, ha garantito come i due autisti fossero professionisti esperti, con molti anni di lavoro alle spalle.
In mattinata sono rientrate in Belgio, su due Hercules  C 130 dell’aereonautica  militare anche le bare delle 28 vittime, di cui 22 erano bianche.

A.D.

 
D: Se l’incidente fosse stato causato da una distrazione fatale dell’autista e quest’ultimo fosse sopravvissuto, quali le possibili accuse a suo carico?

R: Ipotizzabile in tale caso, almeno con riferimento al nostro ordinamento,  le accuse di omicidio colposo (ossia cagionato da negligenza, imprudenza, imperizia, violazioni di leggi, regolamenti, ordini e discipline) plurimo e lesioni personali colpose gravi o gravissime, a seconda dei casi, per i sopravvissuti rimasti feriti nella tragedia.
Qualora il colpevole muoia, come in questo caso, la magistratura non potrà esercitare l’azione penale nei suoi confronti (il Pm, se siamo nella fase delle indagini preliminari, chiede l’archiviazione del procedimento eventualmente aperto), mentre se la morte avviene dopo la condanna ciò estingue la pena, ma rimangono integre tutte le obbligazioni civili derivanti dal reato, ad esempio il risarcimento del danno

AVV.VALENTINA COPPARONI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply