Torna il sereno tra Berlusconi e Veronica Lario, ipotesi di divorzio consensuale

MILANO, 23 APRILE ’12 – Tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario potrebbe profilarsi l’ipotesi di un divorzio consensuale. L’ex premier e la sua, ormai quasi, ex moglie i rapporti sembrano rasserenarsi e a dimostrarlo sarebbe l’ingresso nel consiglio di amministrazione della Mondadori dell’avvocato patrimonialista del Cavaliere che lo assiste nella causa di separazione, Cristina Rossello. I legali di Lario e Bersluconi si sarebbero incontrati per lavorare sull’ipotesi consensuale della separazione, una svolta decisiva visto che la coppia era scoppiata destando molto clamore, tra lettere ai giornali e accuse continue.

Le lettere ai giornali e gli scandali. A maggio del 2009 Veronica Lario chiede il divorzio. Gli scandali legati alla figura di Noemi Letizia, al cui compleanno dei 18 anni partecipò l’ex premier, le veline candidate nelle fila del Pdl e le feste ad Arcore hanno portato Veronica Lario a scrivere a Repubblica una lettera che suonava come un ultimatum. Tra i due il clima era al vetriolo, Berlusconi aveva tentato di recuperare i rapporti con pubbliche scuse ma l’idillio, fotografato da alcuni giornali di famiglia, è durato poco e sulla coppia è ben presto calato il sipario. Veronica Lario non ha mai nascosto il proprio disagio per gli scandali che continuamente apparivano sui giornali e ha spiegato di essere arrivata al capolinea per il rispetto anche dei figli.Nel 2010 Veronica lascia la villa di Macherio, dove ha risieduto per venti anni anche la prima moglie del Cavaliere, per trasferirsi prima in un lussuoso albergo di Monza e poi in un appartamento a Milano. Una decisione arrivata dopo che la donna aveva rigettato l’accordo che prevedeva 7 milioni lordi all’anno (piuttosto che i 43 delle aspettative iniziali), un assegno di 300mila euro al mese e l’usufrutto della villa di Macherio. Le spese di mantenimento della residenza e l’assegno di mantenimento erano stati rivisti e di qui la rottura. Quello che era stato uno degli aspetti centrali del disaccordo tra i due sembrerebbe essere diventato un punto importante della separazione consensuale: la Lario potrebbe tornare a Macherio e l’ex premier finirebbe per accettare le spese preventivate dalla ex per il mantenimento della residenza. Proprio nella villa Silvio Berlusconi e Veronica Lario si sarebbero incontrati qualche settimana fa per pranzare insieme ai figli, come ai vecchi tempi. Anche questo sarebbe un segnale che le squadre legali della coppia starebbero lavorando per arrivare ad una separazione consensuale piuttosto che giudiziale.

ELEONORA DOTTORI

D: Che differenza c’è tra separazione consensuale e giudiziale?

R: Nella separazione consensuale si ha un accordo tra i due coniugi relativamente alle condizioni (personali e patrimoniali) della separazione stessa. Il Tribunale si limita ad omologare tale accordo, verificando la sussistenza delle condizioni di legge. Si ricorre alla separazione giudizialequando c’è disaccordo tra i coniugi: in questo caso le condizioni vengono imposte dal Tribunale. Da specificare che qui si parla di SEPARAZIONE, non ancora di divorzio. Il divorzio è l’ultimo step della procedura volta allo scioglimento degli effetti civili del matrimonio, e si può ottenere dopo 3 anni di ininterrotta separazione.

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply