Terremoto nell’Emilia: sale il numero delle vittime e nuova forte scossa nel pomeriggio

BOLOGNA, 20 MAGGIO ’12 – La terra è tornata di nuovo a tremare alle 15.18 nel Modenese. Dopo la  scossa della notte scorsa, quella di poche ore fa di magnitudo 5.1 è stata una delle più forti tra quelle di assestamento che in maniera continua stanno proseguendo. Questa ulteriore  è stata sentita nettamente non solo nel bolognese e nei territori già colpiti nel modenese e ferrarese, ma anche in tutto il nord Italia fino a Milano.
Alle 6 vittime già accertate purtroppo se ne è aggiunta un’altra, un’anziana deceduta per un malore nel bolognese e a seguito della nuova scossa a Finale Emilia un vigile del fuoco è rimasto ferito cadendo da un tetto di un edificio dove stava intervenendo.
La nuova scossa delle 15.18 ha provocato anche nuovi crolli: a San’Agostino è venuta giù un’altra parte del municipio, a Finale Emilia la torre dell’orologio (la c.d. Torre dei Modenesi)  già gravemente danneggiata dopo il terremoto della notte ed anche alcuni casolari di campagna abbandonati.
La Procura di Ferrara intanto avrebbe avviato indagini disponendo il sequestro delle aree delle aziende dove vi sono state le vittime e ciò al fine di svolgere i dovuti accertamenti in relazione al rispetto delle normative antisismiche. Quattro delle vittime infatti sono operai rimasti uccisi dal crollo dei capannoni in cui stavano lavorando: due alla Sant’Agostino Ceramiche, un altro in una azienda a Ponte Rodoni di Bondeno e un altro ancora alla fonderia Tecopress.
Secondo le prime stime fornite dalla Protezione Civile, sono circa tremila gli sfollati nei territori dell’Emilia-Romagna, la maggior parte (circa 2.500) si trovano nel modenese, gli altri in provincia di Ferrara.

Per quanto riguarda il territorio comunale di Ferrara, sono già utilizzabili da parte dei cittadini residenti due numeri di telefono 0532-771546 e 0532-771585 messi a disposizione dalla Protezione Civile presso il Comune di Ferrara per segnalare emergenze, necessità, danni o pericoli agli edifici.
Il numero della Protezione Civile di Modena è, invece, 059/200200.

La colonna mobile della Protezione civile delle Marche è diretta verso Finale Emilia per portare soccorso alle persone terremotate; oltre a tende e attrezzature varie, è dotata di una cucina completa e di un piccolo ambulatorio medico. Il responsabile Roberto Oreficini ha confermato che il sisma emiliano è stato avvertito anche nelle Marche fino all’Abruzzo e che per ora non si registrano danni.

VALENTINA COPPARONI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply