Tentativo di rapina in un supermercato finisce nel sangue. Muoiono un bandito e il titolare

DELIANUOVA (REGGIO CALABRIA), 8 APRILE ’12 – Dramma a Delianuova, un piccolo paese in provincia di Reggio Calabria, dove ieri sera due banditi si sono introdotti nell’unico supermercato della città il “Trovatutto” di Giuseppe Strano. Era l’orario di chiusura e Strano stava servendo gli ultimi clienti della giornata intenti negli acquisti per il pranzo di Pasqua quando due persone armate e col volto travisato da calzamaglie sono entrate nel locale intimando al titolare di consegnare l’incasso. Forse una reazione nel tentativo di difendere il frutto del suo lavoro o un gesto male interpretato all’origine della colluttazione nata tra i rapinatori e Strano durante la quale sono partiti alcuni colpi di arma da fuoco. Strano si è accasciato a terra in un bagno di sangue davanti agli occhi terrorizzati della figlia e dei clienti ma prima di morire è riuscito a colpire con la medesima pistola uno dei rapinatori. Le indagini diranno se l’uomo è riuscito a strappare di mano l’arma all’aggressore oppure se i colpi sono partiti durante la colluttazione. Visto il tragico epilogo i rapinatori si sono sono dati alla fuga a bordo, pare, di una Fiat Punto dove ad attenderli c’era almeno un complice. All’arrivo dei sanitari per Strano non c’era più nulla da fare. Subito sono scattate le ricerche dei banditi e dopo poco i carabinieri hanno rinvenuto il cadavere di un uomo abbandonato in una strada nella periferia del paese. Si tratterebbe del rapinatore rimasto ferito nel tentativo di rapina, un giovane di 18-20 anni di cui ancora non si conoscono le generalità poiché senza documenti. I suoi complici evidentemente hanno preferito proseguire la fuga sbarazzandosi del corpo. L’identità del giovane sarà un elemento fondamentale per individuare anche gli altri membri della banda dei quali, al momento, non c’è traccia.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply