Sessantenni accoltellati nella periferia di Milano, l’ipotesi è omicidio suicidio

MILANO, 3 MAGGIO ’12 – Le indagini sulla morte di Umberto e Matilda Passa, 65 e 63 anni, hanno portato gli inquirenti a sostenere la tesi dell’omicidio-suicidio. I coniugi erano stati rinvenuti privi di vita mercoledì pomeriggio presso l’appartamento dove vivevano, all’ottavo piano di un palazzone in via Angelo Rizzoli, periferia di Milano. A chiarire l’accaduto è stato Francesco, uno dei figli della coppia, che avrebbe raccontato agli inquirenti che il padre soffriva di depressione. Grazie a questo elemento in più e dopo aver effettuato i primi accertamenti, i carabinieri sarebbero riusciti a ricostruire l’accaduto: Umberto, sarto in pensione, avrebbe sgozzato la moglie, ex infermiera, per poi pugnalarsi al cuore. Una ipotesi avvalorata dal fatto che Umberto Passa è stato trovato disteso sul letto mentre la moglie era a terra, vicino al letto e indossava il pigiama. Come raccontato dal figlio Francesco, l’ex sarto soffriva di depressione dopo che i medici gli avevano diagnosticato una patologia cardiaca. Un particolare questo che sarebbe stato confermato anche dai vicini di casa dei coniugi Passa che avrebbero raccontato di un litigio recentemente avvenuto perché Umberto aveva espresso il desiderio di tornare al Sud, in Puglia, dove tra l’altro vive Donatella, l’altra figlia, senza trovare l’appoggio della moglie. Nell’appartamento di via Rizzoli ci sono ancora i corpi dei due sessantenni. Sul posto anche il figlio Francesco che attenderà l’arrivo da Brindisi della sorella Donatella.

ELEONORA DOTTORI

D: Nei casi in cui il responsabile del crimine si tolga la vita, come procede la magistratura?

R: Qualora l’omicida si toglie la vita, la magistratura non potrà esercitare l’azione penale nei suoi confronti (il Pm, se siamo nella fase delle indagini preliminari, chiederà l’archiviazione del procedimento), mentre se la morte del reo avviene dopo la condanna ciò estingue la pena, ma rimangono integre tutte le obbligazioni civili derivanti dal reato, ad esempio il risarcimento del danno

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply