Scandalo porno-gay: prete irlandese lascia la chiesa

IRLANDA, 1 MAGGIO ’12 – Uno scandalo porno gay travolge un sacerdote irlandese e getta la chiesa nel più cupo imbarazzo. Una strada senza ritorno, in cui non sono bastate le scuse e le ammissioni di colpa: il sacerdote, padre Martin McVeight, ha dovuto pagare caro quello scandalo lasciando la chiesa. L’episodio si è verificato nei giorni scorsi ed è presto balzato alle cronache da un servizio della CNN. Durante la riunione che prelude alla prima comunione, di fronte a bambini e genitori riuniti nella scuola elementare di Pomeroy, nella contea di Tyrone, nell’Irlanda del Nord, il sacerdote avrebbe trasmesso – ovviamente per errore – un filmino hard tra gay. Accidentalmente la presentazione in Power Point che avrebbe dovuto spiegare a bambini e genitori l’importanza del sacramento della prima comunione era stata sostituita da un filmato scaricato dalla rete con immagini di uomini nudi e scene hard di omosessualità spinta. Choc tra le mamme, tra i bambini e indignazione tra i padri. Quel tipo di errore non è ammesso nella chiesa. Il sacerdote ha distrutto la memory card con le immagini hard “per evitare che potessero essere mostrate nuovamente”, ha detto. Poi ha preso un lungo congedo dal sacerdozio e ha lasciato la sua parrocchia. Ha ammesso l’errore più volte, dicendo che quello era “il momento più difficile della mia vita”. Riferendosi a quelle immagini le ha definite “inappropriate”, si è scusato per il danno causato alle tante famiglie di credenti e per la sua “incapacità di controllare la presentazione in PowerPoint prima di proiettarla”. Padre Martin si è cosparso il capo di cenere, ma si è professato innocente, dicendo di non considerarsi tuttavia responsabile della presenza delle immagini incriminate. Ma i genitori indignati hanno chiesto alla polizia di fare chiarezza e di punire il sacerdote. La polizia ha detto che comunque non è stato commesso un crimine. “Il ricordo di questo episodio terribile rimarrà con me per il resto della mia vita” ha commentato padre Martin. Lo scandalo a luci rosse di Pomeroy arriva dopo una serie di episodi di abusi sessuali sui minori in cui erano coinvolti membri del clero della Chiesa cattolica irlandese. Il marzo scorso il Vaticano ha pubblicato un rapporto su pedofilia e chiesa, chiedendo perdono alle vittime.

TALITA FREZZI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply