Rubano lo zainetto a un bambino sulla sedia a rotelle. Due anni di reclusione per ciascuno dei tre ladri

BERGAMO, 8 DICEMBRE ’12 – Avevano approfittato che i genitori si allontanassero di pochi metri per rubare lo zaino al figlioletto sulla sedia a rotelle. È accaduto giovedì scorso all’aeroporto di Orio al Serio: una famiglia di origini siciliane stava rientrando a Trapani dopo che il piccolo era stato all’ospedale di Bergamo per delle cure ma in aeroporto sono stati protagonisti di una spiacevole vicenda. La famiglia era tenuta sott’occhio da due donne e un uomo, tutti originari della Bulgaria, che avrebbero atteso il momento migliore per appropriarsi dello zainetto del piccolo che era rimasto con il padre, intento a prendere un caffè, mentre la madre era uscita per fumare una sigaretta. Pochi secondi di distrazione e il trio ha agito: le due donne si sarebbero avvicinate al piccolo e una volta preso lo zainetto si sono date alla fuga con il terzo complice. Pochi minuti e il trio è stato bloccato e arrestato dalla Polaria di Orio al Serio. I tre ladri sono stati condannati a due anni di reclusione ciascuno dal giudice del Tribunale di Bergamo che ha riconosciuto il reato di furto aggravato dalla minorata difesa della vittima. Denunciato per favoreggiamento il quarto bulgaro che attendeva il terzetto in macchina. Il processo si è svolto per direttissima. Il piccolo ha potuto riavere il suo zainetto prima della partenza per Trapani.

ELEONORA DOTTORI

D: Il giudice ha riconosciuto l’aggravante  “della minorata difesa della vittima”. Ciò quanto ha pesato sulle condanne?

R: Tale aggravante, nello specifico “ l’avere profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona tali da ostacolare la pubblica o privata difesa”, è prevista dall’art. 61  n. 5 del nostro codice penale che disciplina le c.d. aggravanti comuni che comportano un  aumento di pena fino ad un 1/3. In particolare questa aggravante è stata introdotta con il pacchetto sicurezza  del 2008  (D.lgs. 92/2008).

AVV.VALENTINA COPPARONI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply