Rignano Flaminio, tutti assolti gli imputati per la scuola degli orrori

RIGNANO FLAMINIO (ROMA), 28 MAGGIO ’12 – E’ appena stato pronunciato dal Trivunale di Tivoli, dopo quasi dieci ore di camera di consiglio, il dispositivo della sentenza con cui sono stati assolti i cinque imputati nel processo sui presunti abusi sessuali suoi minorenni della scuola materna Olga Rovere di Rignano Flaminio. I cinque, tre maestre ( Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio), una bidella (Cristina Lunerti) e un autore tv (Gianfranco Scancarello,marito della Del Meglio), erano accusati di violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona e atti osceni. Per tutti gli imputati l’accusa aveva chiesto dodici anni di reclusione. Assolti con formula piena, tutti. I genitori dei bambini accolgono la sentenza con rabbia, violenza e incredulità. Pugni contro la porta dell’aula, malori, urla contro i giudici e insulti.  Si attendono le motivazioni della sentenza, anche per capire se la Procura e la parte civile presenteranno appello.
TALITA FREZZI

D: Cosa prevede il reato di atti contrari alla pubblica decenza?

R: Si tratta di un reato previsto dall’art. 726 del nostro codice penale che punisce  chiunque, in un luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti contrari alla pubblica decenza. Si tratta di una contravvenzione punita con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda fino a 206 euro.

D: Cosa prevede il reato di violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo?

R: Il reato di violenza sessuale punisce chi costringe qualcuno mediante violenza o minaccia a compiere o subire atti sessuali. L’art. 609 bis c.p. prevede per il reato di violenza sessuale la reclusione da 5 a 10 anni. La pena è aumentata (da 6 a 12 anni) nel caso in cui sussistano le circostanze aggravanti elencate all’art. 609 ter c.p. tra le quali l’aver agito nei confronti di un minore di anni 14, l’avere usato armi, sostanze alcoliche o stupefacenti o comunque sostanze gravemente lesive della salute della vittima, l’aver agito in maniera travisata o simulando la qualità di pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio. Infine la pena è ulteriormente aumentata (reclusione da 7 a 14 anni) se la violenza è commessa nei confronti di un minore di dieci anni.
La violenza sessuale di gruppo è un reato più grave della violenza sessuale semplice, e consiste nella partecipazione di più persone riunite ad atti di violenza sessuale. La pena è della reclusione da 6 a 12 anni per tutti i partecipanti, salvo aggravanti. Se commessa nei confronti di infraquattordicenne la pena è aggravata

D: Quanti giorni ci sono ora per proporre appello?
R: Dipende dal termine preso dal Tribunale per il deposito della sentenza. Per il termine ordinario di 15 giorni, ci sono 30 giorni per fare appello. Nel caso di termine superiore compreso tra 15 e 90 giorni, il tempo per proporre appello è di 45 giorni.
AVV.TOMMASO ROSSI

 

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply