Mubarak: “Mi vogliono uccidere in prigione”

IL CAIRO, 12 GIUGNO ’12 – L’ex rais egiziano Hosni Mubarak versa in gravi condizioni di salute e avverte “Mi vogliono uccidere in prigione”. È stato l’avvocato del rais, Farid el Dib, a riferire all’Ansa delle precarie condizioni di salute dell’84enne ex presidente. Anche il ministero dell’Interno egiziano ha confermato lo stato di salute dell’ex rais specificando però che non è in coma. Con lui ci sono il figlio maggiore Alaa e quello più piccolo Gamal che hanno ottenuto l’autorizzazione a stare vicino al padre solo qualche giorno fa. Tutti e due sono detenuti nel carcere di Tora. Fonti del ministero rivelano che ieri Mubarak ha trascorso la notte attaccato ad un apparecchio per la respirazione e che si sta valutando la possibilità, ma nessuna decisione è stata ancora presa, di portarlo via dall’ospedale del carcere di Tora, dove è ricoverato da 10 giorni, per trasferirlo in un ospedale militare. I sanitari del carcere hanno rivelato che per ben due volte è stato necessario ricorrere al defibrillatore sull’ex presidente egiziano.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply