Movida sul litorale: ubriaco con zero punti e mamma in stato d’ebbrezza: 11 patenti ritirate

CIVITANOVA, 12 MAGGIO ’12 – Numeri da piena estate a consuntivo di una notte del sabato sera, vigilata da pattuglie del radiomobile di Civitanova Marche coadiuvate dalle stazioni di Civitanova Alta e Recanati. Con le temperature favorevoli si è scatenata la  movida da Civitanova a Porto Recanati. Locali pieni di gente, di famiglie e di ragazzi provenienti da ogni zona delle province di Macerata, Ancona e Fermo. C’era chi festeggiava la festa della mamma e chi si divertiva sulle spiagge. Intanto le chiamate al 112 della centrale operativa dell’Arma sulla costa civitanovese hanno sfiorato quota 100 nel solo arco orario 20 del sabato – 8 del mattino della domenica. Le segnalazioni più insistenti dalla zona nord di Civitanova, a ridosso della foce dell’asola, per rumori molesti provenienti da uno chalet e auto lasciate in sosta lungo la statale in un tratto di strada rettilineo, buio e pericoloso.

Le pattuglie della compagnia di Civitanova hanno istituito posti di controllo alla circolazione stradale sia all’ingresso della vicina cittadina di Porto Potenza, che in zona Fontespina, ma anche sulla Regina a ridosso di Santa Maria in Potenza di Porto recanati.

Ad incappare nell’etilometro drager in dotazione al radiomobile moltissimi ragazzi, di età compresa fra i 19 e i 37 anni, ma anche due donne fra cui una giovane mamma, di rientro da una serata in un locale della costa. Un modo per festeggiare la festa della mamma smascherato sia dal precursore, che segnava rosso, che dall’etilometro che riscontrava un tasso superiore a 0,8 grammi per litro. Ma il tasso più alto lo aveva un civitanovese che stamane all’alba, dopo aver causato presunti danni a veicoli in sosta in una via del centro, è stato riscontrato con un tasso elevatissimo: 2,25. La patente, inoltre, aveva già azzerato i punti disponibili e scatterà, con ogni probabilità, il provvedimento di revoca oltre ad una serie di pesanti sanzioni che sono in disamina negli uffici del radiomobile. Aveva causato un incidente in serata ed era sotto l’effetto di droghe, un civitanovese che è stato altresì denunciato al termine degli esami clinici.

LA REDAZIONE

D: Nel caso di guida in stato d’ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti, quando è previsto l’arresto con confisca del mezzo e quando invece solo la denuncia con contestuale ritiro della patente?
R: 
Il reato di guida sotto l’influenza dell’alcol che è previsto e sanzionato dall’art. 186 del Codice della Strada che stabilisce il divieto di guidare in stato di ebrezza e punisce la condotta in modo graduato a seconda del tasso alcolemico accertato. Il tasso alcolemico accertato nel caso in questione configurerebbe l’ipotesi di reato più grave che prevede la pena dell’ammenda da 1.500 a 6.000 euro e l’arresto da 6 mesi ad 1 anno quando viene accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro. E’ prevista altresì la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 1 a 2 anni. E’ altresì disposta la confisca del veicolo salvo che appartenga a persona estranea al reato. Nei casi meno gravi non è previsto l’arresto (da 0,5 a 0,8 è solo un illecito amministrativo).
Il 187 C.d.S. punisce la guida sotto l’effetto di stupefacenti e prevede le stesse pene previste per l’ipotesi più grave di guida sotto l’effetto di alcol.
AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply