L’inaugurazione del museo dell’emigrazione marchigiana a Recanati

GIORNATA DELLE MARCHE: RIUNIONE ASSOCIAZIONI DEI MARCHIGIANI ALL’ESTERO

imagesLe celebrazioni della Giornata delle Marche prevedono, come consuetudine, la riunione del Consiglio dei Marchigiani nel Mondo (lunedì 9 dicembre alle ore 9.30 a Recanati), e quest’anno l’appuntamento si arricchisce di un evento di grande rilievo: apre i battenti, infatti, il Museo dell’Emigrazione Marchigiana all’interno dei Musei Civici di Villa Colloredo Mels di Recanati. L’inaugurazione, che si terrà alle 17,30 del 9 dicembre a Recanati, rappresenta  il coronamento di quella sinergia con le Associazioni dei marchigiani all’estero che contribuisce a promuovere le eccellenze marchigiane, rinsaldare i rapporti con la terra di origine e valorizzare la conoscenza del fenomeno migratorio marchigiano nel mondo. “La Giornata delle Marche è soprattutto uno straordinario momento di condivisione con tutta la comunità – dice il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – Una comunità operosa e forte che ha saputo distinguersi anche lontano dalla proprio terra d’origine senza mai dimenticare le proprie radici, contribuendo a rendere grande il nome delle Marche nel mondo. Il nostro legame con i marchigiani all’estero è sempre vivo e proficuo di generazione in generazione, e continua a generare crescita culturale e professionale anche per i nostro giovani”.  Il Museo dell’Emigrazione Marchigiana nasce per accompagnare e coinvolgere il visitatore in un itinerario ‘fisico ed emozionale’ destinato a ripercorrere la storia del fenomeno migratorio ed a riannodare quei legami profondi che hanno unito e uniscono ancora oggi, le Marche alle comunità di emigranti. Immagini, oggetti, lettere, documenti e ricordi, animano i diversi ambienti museali che ripetono altrettanti significativi ‘momenti’ di questo viaggio nella memoria dell’emigrazione marchigiana, ma acquistano una dimensione più coinvolgente ed emozionale, sollecitando in un pubblico ampio ed eterogeneo sempre nuove suggestioni e riflessioni. Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, infatti, la storia del passato diventa narrazione interattiva, le immagini della memoria realtà virtuale ed i suoni contribuiscono ad evocare situazioni e luoghi lontani nel tempo. La visita si trasforma così in un’esperienza viva e vitale, dove la lezione di quanti con tenacia e perseveranza hanno contribuito alla crescita di tanti Paesi sia di  monito per le giovani generazioni che, nell’affacciarsi sul palcoscenico del ‘mondo globale’, non dimentichino le proprie radici. Tra gli eventi culturali legati al tema anche un incontro per illustrare i contenuti del Museo (alle ore 15 al Museo) e il ruolo che potrà svolgere sottolineando le linee di sviluppo future che vede il coinvolgimento attivo delle circa 70 associazioni, tra cui figurano numerosi giovani discendenti di marchigiani all’estero. In serata, al Teatro Persiani di Recanati si terrà la rappresentazione di un omaggio all’architetto Francesco Tamburini di Ascoli Piceno e al calciatore Renato Cesarini di Senigallia, personaggi  che hanno saputo coniugare i temi e le capacità propulsive per la crescita economica, tipiche dell’identità marchigiana, anche in  terra Argentina.

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply