La Mamma di Daniele Franceschini incontra all’Eliseo il Ministero di giustizia

PARIGI, 3 MAGGIO ’12 – Mamma Cira non molla e in barba alle elezioni presidenziali francesi si è recata all’Eliseo per incontrare Nicolas Sarkozy. La madre di Daniele Franceschi, il 26enne viareggino morto in un penitenziario francese il 25 agosto 2010 dopo essere stato arrestato per aver utilizzato delle carte di credito risultate rubate nel Casinò di Cannes (in proposito si legga http://www.fattodiritto.it/italiano-morto-in-un-carcere-francese-nel-2010-tre-sanitari-incriminati-per-omicidio-involontario/9, è stata dapprima allontanata dalle guardie e poi accolta dal Consigliere giuridico del Ministero di Giustizia, Jean Pier Picca. Le elezioni presidenziali in Francia sono ormai nel vivo e pare che Sarkozy non abbia potuto incontrare mamma Cira Antignano perché impegnato a preparare il dibattito televisivo con il rivale Francois Hollande. In ogni caso la donna e l’avvocato Aldo Lasagna sono stati ricevuti negli uffici dell’Eliseo dove sarebbero stati rassicurati sulla restituzione, in tempi brevi, degli organi di Daniele. Cira non molla: “vedremo cosa intendono per tempi brevi, se non avrò risposte questa volta andrò a Strasburgo, perché intendo arrivare alla risoluzione di questa vicenda che si è protratta per troppo tempo”. Soddisfatto del colloquio avuto con Picca è l’avvocato Lasagna che parla di “ammissione di responsabilità da parte delle autorità francesi per la mancata restituzione degli organi”, e si dice fiducioso del fatto che Sarkozy e Carla bruni abbiano a cuore la vicenda del viareggino. Alla signora Cira è stato comunque impedito di manifestare di fronte all’Eliseo per chiedere la restituzione degli organi di Daniele e di mettere in atto uno sciopero della fame sempre di fronte la residenza del Presidente della Repubblica francese.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply