Investe una donna a Jesi, la invita a rialzarsi e poi fugge.

JESI , 24 MAGGIO ’13 – E’ stato arrestato dai carabinieri di Jesi l’uomo che a bordo della sua Fiat Multipla ieri ha investito una donna di quarantasei anni lungo il viale della Vittoria, mentre attraversava le strisce pedonali.

L’uomo, un pensionato di 70 anni, non si sarebbe poi fermato a prestarle soccorso e, oltretutto, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe sceso dall’auto invitandola a rialzarsi, convito evidentemente che fosse tutta una messa in scena.

Ora le indagini dei Carabinieri dovranno appurare quanto realmente successo e le eventuali responsabilità penali dell’uomo.

LA REDAZIONE

D: In che consiste il reato di omissione di soccorso?
R:
L’omissione di soccorso prevista dall’art. 593 c.p., consiste nella condotta di chi, trovando abbandonato un minore di dieci anni o una persona maggiorenne ma non in grado di provvedere a se stessa o una persona ferita, omette di darne immediato avviso all’autorità. La pena è della reclusione fino ad un anno o della multa fino a €2500. Il Codice della strada, poi, all’art. 189, prevede una autonoma figura di reato in caso di omissione di soccorso a seguito di incidente stradale, e la pena è della reclusione da 6 mesi a 3 anni. Viene punito il semplice non fermarsi a seguito di incidente stradale con danno alle persone. Se le persone sono ferite la pena è della reclusione da 1 a 6 anni.

AVV. TOMMASO ROSSI

 

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply