Il bacio gay di un marine e la fine di un tabù. Il web si commuove

NEW YORK, 29 FEBBRAIO ’12 – La foto del bacio gay tra un marine, di ritorno in patria, con il suo compagno all’aeroporto militare delle Hawai potrebbe involontariamente diventare l’icona di un momento storico, alla stregua della bellissima e più nota immagine scattata da Alfred Eisenstaedt nel ’45, raffigurante il bacio appassionato tra un marinaio e un’infermiera, scattata a Times Square, a New York, alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Seppure nella loro diversità in queste immagini c’è la gioia, l’amore e la libertà. Sullo sfondo, alle spalle del sergente Morgan e del suo compagno, Dalan Wells, si staglia una enorme bandiera americana. Se fossimo ad una lezione di semiotica potremmo dire che l’intenzione del fotografo è stata quella di ridicolizzare la politica delle forze armate americane che scelgono di ignorare l’orientamento sessuale dei militari ma questo scatto, spontaneo e involontario, va ben oltre. Non c’è solo l’assurdità della regola “Non chiedere, non dire” (“Don’t ask, don’tell”), abolita ufficialmente dal luglio dello scorso anno, dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ma anche l’approvazione del web, commosso perché quella che era solo un’ipocrisia è stata finalmente superata. “Il mio compagno ed io vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno risposto in modo positivo a questa immagine” ha detto il sergente Morgan, libero dopo quattro anni di rivelare anche in pubblico il suo amore per Dalan Wells. Il quotidiano New York Daily New riporta alcuni commenti sulla pagina “Gay Marines”, su Facebook, dove qualcuno ha scritto “In quanto veterano dell’esercito e gay questa foto mi ha fatto venire le lacrime agli occhi”, “Anche nei miei sogni più folli, non avrei mai creduto di poter vedere una cosa simile prima di morire”. L’immagine sta facendo il giro della rete suscitando tra gli internauti un grande interesse, perfino maggiore rispetto a quanto avvenuto lo scorso anno con la foto di un bacio tra due donne soldato.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply