Grillo a processo con i No Tav: ‘La giustizia è in crisi’

TORINO, 4 MAGGIO ‘12 – Udienza lampo nel tribunale di Torino nel processo che vede imputati 21 esponenti del movimento No Tav e con loro anche Beppe Grillo. L’accusa per tutti è violazione dei sigilli e abuso edilizio. I fatti risalgono al 5 dicembre 2010 quando i manifestanti entrarono nella Baita Clarea, a Chiomonte, all’epoca sequestrata dalla procura di Torino perché costruita abusivamente. Il leader del Movimento 5 Stelle è arrivato a bordo del camper con cui sta facendo il giro dei comuni italiani per presentare i propri candidati alle elezioni amministrative. Ad accoglierlo Alberto Perino, uno dei leader dei No Tav e anche lui imputato al processo. In aula erano presenti molti attivisti e anche all’esterno del tribunale in molti hanno protestato contro la linea ad alta velocità Torino-Lione. Ma a dare spettacolo non sono state le proteste bensì il comico genovese che entrando in aula non si è risparmiato: “Quello della giustizia è un sistema che non funziona più. Non si può mettere in piedi un processo che costerà migliaia e migliaia di euro per la rottura di un sigillo – ha detto il leader del Movimento 5 Stelle – Affrontare così duramente gli inermi è una debolezza della giustizia per giustificare un buco da 22 miliardi che non faranno mai”. E ancora “Se li vedi, i No Tav sono tutti delle persone per bene. Difendono un territorio, una baitina. Veramente siamo proprio fortissimi con i deboli. In Italia abbiamo 150 mila avvocati, ogni anno aumentano del 15%. Più avvocati abbiamo, più cause avremo. Il senso della giustizia io non lo capisco più”. “Se uno si aggrappa a un poliziotto in un contesto e gli dai delle aggravanti di lesioni o rissa, vuol dire che applichi la legge ai massimi con gli inermi – continua il comico – A Viareggio sono morte bruciate decine di persone e dopo tre anni non c’è ancora il processo. Non è possibile che io abbia 20 cause per diffamazione. Qui bastava un giudice di pace, almeno per la maggior parte delle persone”.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply