Giallo londinese sulla morte di Eva Rausing, moglie del miliardario del Tetra pack

LONDRA, 12 Luglio 2012 – Il marito miliardario di Eva Rausing, è stato arrestato ieri dalla polizia di Scotland Yard per una sua possibile implicazione nella morte della moglie, deceduta in circostanze misteriose nella loro villa da 70 milioni di sterline. Gli inquirenti che indagano sul caso hanno definito “inspiegabile” la morte della Rausing (48 anni) anche dopo l’autopsia. Tuttavia, riporta il London Evening Standard, saranno effettuati sul cadavere ulteriori test tossicologici al fine di verificare una probabile overdose di droghe o alcool.
L’arresto del marito di Eva, Hans Kristian Rausing, è avvenuto all’ora di pranzo di lunedì dopo essere stato trovato dalla polizia mentre guidava per le strade di Londra portando in macchina droghe di classe A. La polizia, andando a cercare la detenzione di droghe nella sua abitazione, ha trovato il corpo della moglie morta in una camera da letto. I quattro bambini della coppia, di 17, 15,13 e 11 anni, sono stati portati dai parenti che al momento dovranno badare a loro. La coppia, Eva e Hans Kristian, nacque in un centro di riabilitazione statunitense negli anni ’90, mentre i due vi erano ricoverati per disintossicarsi dalle droghe. Tuttavia, nel 2008, la Signora Eva era stata fermata mentre cercava di entrare clandestinamente con la borsa piena di eroina e crack all’interno dell’Ambasciata Americana. Nonostante i coniugi Rausing abbiano dovuto combattere per tutta la loro vita la dipendenza da droghe, secondo le dichiarazioni di amici e conoscenti, è una coppia che ha donato moltissimo alle fondazioni caritatevoli inglesi, soprattutto quelle aiutavano i tossicodipendenti. In fondo, Hans Kristian, è uno che si poteva permettere molta beneficenza, avendo ereditato dalla famiglia una fortuna da 4,5 miliari di sterline.

Il Principe Carlo, amico di famiglia, ha appreso stamane della notizia, e il portavoce della fondazione del Principe ha dichiarato: “ Le nostre condoglianze vanno alla famiglia a seguito di queste terribili notizie. I Rausing hanno supportato a lungo il lavoro di educazione della fondazione del Principe, e noi abbiamo apprezzato moltissimo la loro generosità e il loro impegno.”

Intanto, a Scotland Yard, proseguono le indagini sulla morte della Rausing.

CLARISSA MARACCI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply