Furto nel loft di Lapo Elkann nel cuore della movida milanese.

MILANO, 20 FEBBRAIO ’12 – Non si conosce ancora l’ammontare del furto messo a segno dai soliti ignoti nel loft di proprietà di Lapo Elkann, sito all’interno di un condominio in corso di Porta Ticinese a Milano. L’imprenditore non era in casa al momento del furto, Elkann si trova all’estero, quindi il centro sicurezza della Fiat, che ha ricevuto l’allarme verso l’una e mezza dell’altra notte, ha avvertito il domestico ecuadoriano di 32 anni, di quanto era accaduto nell’appartamento, che a sua volta ha chiamato la polizia. Impossibile però per il domestico quantificare il valore degli oggetti rubati pertanto la polizia ha provveduto ad acquisire le immagini delle telecamere in attesa che venga formalizzata la denuncia. A quanto pare i ladri, che forse neppure conoscevano l’identità del proprietario, hanno lasciato pochi segni di effrazione, solo una cassettiera della camera degli ospiti sarebbe stata aperta. Via Vetere, la strada d’ingresso del loft che affaccia di corso Porta Ticinese, si trova al centro della movida milanese ma in una zona abbastanza degradata. È una strada che termina in un giardino frequentato per lo più da spacciatori tanto che, nel 2010, i residenti avevano sottoscritto una petizione per chiedere maggiore sicurezza. Tra questi anche la firma di Lapo Elkan che però aveva detto di considerare questa zona viva e autentica.

ELEONORA DOTTORI

D: E’ necessario sporgere denuncia perché le forze dell’ordine diano il via alle indagini?

R: Dipende dal reato. Se è un reato procedibile d’ufficio, l’autorità giudiziaria ha l’obbligo di avviare l’azione penale non appena venga a conoscenza della commissione del reato. Le forze dell’ordine hanno l’obbligo di attivarsi immediatamente non appena vengono a conoscenza della commissione di un reato procedibile d’ufficio notiziando il PM di turno. Se il reato, invece, è procedibile solo a seguito di querela di parte, occorre questo atto di impulso affinchè l’azione penale inizi. Il furto in abitazione è procedibile d’ufficio, a differenza del furto semplice che invece richiede la querela.

D: Che differenza c’è tra furto e rapina?

R: Il reato di rapina si ha quando qualcuno, per procurarsi un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, si impossessa di beni altrui sottraendoli da chi li detiene. La differenza con il furto, rispetto al quale è considerato un reato più grave anche in termini di pena (da tre a dieci anni di reclusione senza aggravanti, fino a venti anni nelle ipotesi aggravate oltre alla multa), consiste proprie nella violenza o minaccia esercitate nel reato di rapina . Il furto in abitazione è considerato una forma più grave di furto poiché commesso nei confronti di un luogo tutelato costituzionalmente con la garanzia dell’inviolabilità del domicilio privato. La pena è della reclusione da 1 a 6 anni.

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply