Dodici ultras del Genoa indagati dopo le violenze allo stadio Marassi

GENOVA, 28 APRILE ’12 – Potrebbe costare caro a 12 ultras genoani quanto accaduto domenica scorsa allo stadio Marassi di Genova, quando la partita che i rossoblu stavano disputando contro il Siena è stata interrotta per diversi minuti visto che gli animi in curva si erano parecchio scaldati. Gli ultrà del Genoa hanno chiesto ai loro giocatori di togliersi le maglie, alcuni l’hanno fatto, altri se ne sono andati negli spogliatoi. Nella relazione della polizia presente allo stadio viene riportato che la decisione di togliere o meno le maglie, come richiesto dai tifosi, vedeva contrarie le forze dell’ordine e quindi sarebbe stata presa dagli sessi giocatori. Come detto sono 12 le persone al momento iscritte nel registro degli indagati per quanto avvenuto al Marassi, si tratta di capi ultrà e promotori della protesta riconosciuti anche grazie alle immagini delle telecamere, che potrebbero consentire agli investigatori di individuare altri responsabili. L’accusa nei loro confronti è violazione delle norme di sicurezza negli stadi, violenza privata, lesioni e minacce. Non è escluso che il registro degli indagati si arricchisca di altri nomi visto che i filmati e le foto in possesso delle forze dell’ordine hanno permesso di individuare dodici persone, autori dei gesti più eclatanti.

ELEONORA DOTTORI

D: Il reato di violenza privata: di che cosa si tratta e quali conseguenze in termini di pena?

R: Il reato di violenza privata punisce chiunque con violenza o minaccia costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa ed è punito (nelle ipotesi non aggravate) con la reclusione fino a 4 anni

D: Che cos’è il Daspo?

R: Il DASPO è una misura di prevenzione emessa dal Questore del luogo ove i reati sono stati compiuti. Il DASPO è un atto di natura amministrativa che può contenere, a seconda della gravità dei fatti commessi, obblighi di presentazione in Questura per apposizione di firme prima, durante e dopo lo svolgimento degli incontri di calcio.

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply