Diritto alla Salute- Ancora su telefoni cellulari e tumori, binomio sempre più stretto

OREBRO, 16 SETTEMBRE 2012.Torniamo ancora su questo assillante problema poichè i telefoni cellulari sono nuovamente sul banco degli imputati per i loro dannosi effetti sulla salute ed in particolare per la loro potenziale cancerogenicità relativamente ai tumori cerebrali (gliomi ).
Infatti è apparso un nuovo lavoro del professor Lennart Hardell  e la sua equipe  del Dipartimento di Oncologia dell’Ospedale Universitario di Orebro in Svezia .Già in passoto lo stesso gruppo aveva già pubblicato dati negativi sui telefoni cellulari evidenziandone la looro pericolosità  . In quest’ultimo lavoro  viene effettuata una revisione di 3 precedenti lavori sullo stesso argomento elaborandone poi  i dati finali .
Due di tali lavori includono nella ricerca persone malate di glioma ancora in vita e controlli sani , di età compresa tra i 20 e 80 anni .Le diagnosi sono state formulate globalmente  dal 1997 al 2003.Il terzo studio  rigurda persone  decedute per glioma e controlli deceduti per altre cause  . Questi i risultati : usare i telefonini per più di 10 anni dallo stesso lato della testa , aumenta il rischio di glioma di2,9 volte . Con lo stesso utilizzo di telefoni cordless il rischio   aumenta a 3,8 volte .Se poi viene considerata la sottoclasse dei gliomi ad alto grado che sono particolarmente aggressivi , il rischio aumenta  rispettivamente a 3,9 e 5,5.PArticolarmente sensibili sembrerebbero i bambini e gli adolescenti .

Ci sono fortunatamente  ancora   pareri discordanti , come quello già segnalato su “fattodiritto “  riferentesi allo studio danese (primo autore Patrizia Frei ) pubblicato nell’ottobre 2011 nella prestigiosa rivista  scientifica ” Britsh Medical Journal ” che conclude dicendo che non esiste un aumento del rischio di sviluppare tumori cerebrali con l’uso dei telenofi cellulari .

Comunque in attesa di conferme che la scienza prima o poi ci fornirà , è meglio  essere prudenti 

DOTT. GIORGIO ROSSI
Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply