Devis Bonanni ‘Pecoranera’, il contadino 27enne che vive con 200 euro al mese, risponde alle critiche.

UDINE, 19 MARZO ’12 – Devis Bonanni è un giovane di 27 anni e ha scelto una vita “stra-ordinaria”: nel 2008 ha lasciato il suo lavoro di tecnico informatico di azienda e ha cominciato a fare il contadino in un paesino della Carnia (Friuli –Venezia Giulia). Devis oggi vive di ciò che cresce nel suo appezzamento di terreno (denominato “Pecoranera”) e delle uova delle sue galline, ed è convinto che della terra non potrebbe più fare a meno. Per le spese gli bastano 200 euro al mese, che guadagna vendendo il surplus di quello che coltiva, e la sua casa, fatta di legno, è fornita solo di ciò che è davvero necessario. “La vita da contadino per me significa libertà”, ha detto Devis. Poi ha confessato: “La cosa che non mi piaceva della vita che facevo prima è che c’era troppo poco tempo per vivere, e mi faceva male vedere in primavera la natura che esplodeva ed io che rimanevo chiuso in un ufficio”. Per raccontare questa vita immersa nella natura, Devis ha scritto un libro (“Pecoranera. Un ragazzo che ha scelto di vivere nella natura”) e ieri la sua storia è approdata sulle pagine del Corriere della Sera, dove però è stato aspramente criticato da alcuni lettori. Oggi, dalle colonne dello stesso giornale, Devis risponde con una lettera aperta che riportiamo integralmente:

“Amici miei finisco ora di leggere i commenti all’articolo uscito sul sito del Corriere, e il cuore mi batte forte mentre scrivo questa risposta. Dai più sono etichettato come un figlio di papà proprio perché ammetto di vivere in una casa di proprietà. Altri mi danno dell’evasore, chi del furbo parassita che succhia i servizi senza pagare le tasse, altri ancora mi mettono in guardia contro gli acciacchi dell’età. Ebbene sì, cari detrattori, tutte le critiche che mi si muovono sono plausibili ma riscontro l’atteggiamento tipico dello stolto che guarda il dito mentre il dito indica la luna. La mia esperienza è parziale proprio perché si tratta della vita di un singolo, di un giovane di ventisette anni che per forza di cose non può aver messo in ordine il mondo né aver dato risposta a tutti i problemi della vita. Ma rifiutare la riflessione che propongo significa precludersi delle possibilità, vivere del motto «tanto il mondo va così, che ci vuoi fare».

Nel mio piccolo mondo di figlio di papà appena maggiorenne ho capito qual era il mio percorso e per dieci anni ho proseguito in un’unica direzione, quella di cambiare stile di vita. Ho rinunciato a studiare agraria all’università per lavorare per cinque anni come tecnico informatico (ad oggi ho pagato cinque anni di contributi pieni su nove, a ventisette anni), dunque conosco bene il significato della parola lavoro. È con questi stipendi che mi sono comperato un pezzo di terra, due serre, un motocoltivatore e tutto il necessario per fare il contadino. È con questi stipendi che ho messo da parte una riserva di emergenza per il temuto dentista. Sono anche riuscito a starmene lontano dalla città, a capire che in montagna ci sono molte risorse fisiche e spirituali, la stessa montagna abbandonata dove vivere è da sfigati. Salvo nel mio caso in cui il giudizio vira a privilegio di pochi. A questi sono seguiti i quattro anni da disoccupato dove la mia nuova occupazione è stata il lavoro nei campi che mi ha fatto apprendere il significato della parola fatica ben più che il lavoro d’ufficio. Zappando la terra, non ci crederete, si ottiene del cibo e divengono rade le visite al supermercato. Lavorando a quattro passi da casa ho potuto vendere l’auto e iniziare un’altra attività part-time: pedalare.

Proprio così, pedalare è un lavoro perché genera mobilità, la stessa mobilità per cui paghiamo profumatamente la benzina, l’autostrada, il bollo, l’assicurazione, l’ammortamento e la manutenzione di carrozze sempre più care. Ecco che le mie gambe sono diventate belle grosse e se prima andavo come una cinquecento ora scatto come una berlina. Da bravo figlio di papà ho una casa bella calda grazie alla fiamma che brucia nella cucina a legna sulla cui piastra cucino di tutto. E da grande privilegiato possiedo anche un boiler per l’acqua calda della doccia, sempre a legna. Il fuoco va acceso e tenuto vivo, non basta girare la manopola del riscaldamento. E non c’è bolletta da pagare, quella di Zar Putin per cui il nostro amato ex-premier faceva tanti viaggi in Russia. Io mi rivolgo ai boschi e vi assicuro che gli alberi non camminano fino a casa mia, né un ciocco si spacca per telecinesi. Ma non leggete queste parole come polemiche, piuttosto cercate di intuire la mia carica di ragazzo che ragiona e s’incazza per le critiche proprio perché comprende che sono plausibili ma anche venate di disfattismo. Nel mio libro, titolato appunto «Pecoranera», ho cercato di raccontare con sincerità la mia esperienza e proporre degli spunti di riflessione anziché dogmi ecologici, sociali o politici. Solo una cosa: non dite mai che io non so cosa significhi la parola fatica perché altrimenti vi invito a passare qualche giorno da me per convincervi del contrario!”

FEDERICA FIORDELMONDO

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply