Corte costituzionale: illegittima la privatizzazione dell’acqua

ROMA, 22 LUGLIO ’12 – L’articolo 4 della Finanziaria bis del 2011 è illegittimo. A stabilirlo è la Corte costituzionale che boccia l’articolo in questione poiché disponeva che gli enti locali privatizzassero i servizi pubblici, tra cui quelli idrici. Secondo i giudici quindi sarebbe stato violato l’articolo 75 della Costituzione secondo cui è vietato il ripristino di una normativa abrogata per volontà popolare con il referendum. Soddisfatti Legambiente, i movimenti per l’acqua pubblica, Nichi Vendola, governatore della Puglia, regione che aveva presentato il ricorso e Antonio Di Pietro, leader dell’Idv, che annuncia di vigilare dentro e fuori il Parlamento per assicurare il rispetto della sentenza.

ELEONORA DOTTORI

D: Di che si occupa la Corte Costituzionale?

R: In base all’art. 134 della Costituzione, la Corte costituzionale giudica sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti aventi forza di legge, sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato, su quelli tra lo Stato e le Regioni e tra le Regioni, sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica, a norma della Costituzione e sull’ammissibilità delle richieste di referendum abrogativo.

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply