Cinguettii volgari: vip insultati lasciano Twitter

MILANO, 24 APRILE ’12 – Stanchi di insulti e sgarbi divario genere i vip decidono di lasciare Twitter. Dopo l’addio di Fiorello arrivano quelli di Rudy Zerbi, giudice del programma televisivo Italia’s got talent, impegnato anche nell’ultima edizione di Amici, e dell’autore televisivo Max Novaresi. Oltre a loro anche l’agente Lucio Presta ha recentemente manifestato insofferenza per la rete sociale caratterizzata dall’uccellino azzurro. Tutti vittime dei troll cioè utenti che creano profili volti a provocare i vip, ad insultarli. È il caso di @odiorudyzerbi, che è stato sospeso, o di #BoldiCapra, dedicato a Massimo Boldi e ai suoi cinepanettoni. Non sono rari i casi in cui i followers attaccano i vip insultandoli magari per un programma non gradito o qualche parola di troppo scritta proprio nella piattaforma. Stessa sorte è toccata a Gerry Scotti che ha dovuto rispondere alle critiche di un tifoso. È andata peggio a Max Novaresi che è stato contattato da utenti che conoscevano persino il suo indirizzo di casa. L’autore di Affari tuoi ha spiegato a Corriere.it di non aver sporto denuncia ma di essersi spaventato, al punto da farla finita con Twitter.

ELEONORA DOTTORI

D: Quali reati si ravvisano?

R: Sembra che in alcuni casi si tratti di minacce, in altri si parla invece di insulti e quindi il reato sarebbe quello di ingiuria- cioè l’offesa dell’onore o del decoro di un’altra persona- aggravata dal fatto di essere l’offesa commessa alla presenza, seppur virtuale, di più persone.

AVV. TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply