Carabiniere sequestrato nella capitale dello Yemen, si esclude la pista terroristica

ROMA, 30 LUGLIO ’12 – E’ un carabiniere responsabile della sicurezza dell’ambasciatore italiano a Saana, capitale dello Yemen, ad essere stato rapito mentre stava facendo acquisti in un negozio. L’uomo, in borghese, pare non fosse in servizio al momento del sequestro. Il carabiniere si trovava nel quartiere di Hadda, a sud-ovest della capitale, quando un commando lo ha caricato in auto e fatto sparire. Al momento si escluderebbe la pista terroristica ipotizzando invece che il rapimento si astato messo a segno da bande locali che con queste azioni cercano di ottenere denaro, va detto infatti che negli ultimi 15 anni sono state circa 200 le persone rapite e poi rilasciate dietro pagamento di riscatto. Secondo fonti anonime il carabiniere si trovava vicino alla sede diplomatica, riaperta recentemente dopo il conflitto tra l’allora capo dello stato, Ali Abdullah Saleh, e l’opposizione del Paese. L’unità d crisi del ministro degli Esteri si è attivata immediatamente.

ELEONORA DOTTORI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply