Ballo letale: 22enne muore in discoteca

MONOPOLI (BARI), 10 SETTEMBRE ’12 – Rosa Diciolla aveva 22 anni. Era andata a ballare sabato sera con il fidanzato ed alcuni amici in un locale di Monopoli, provincia di Bari. Una serata come le altre, trascorsa in compagnia, ma che alle 5 del mattino si trasforma in tragedia. Rosa, residente a Noicottaro, era circondata da altri giovani sulla pista da ballo dell’Autodromo Club e stava ballando quando, improvvisamente, si sarebbe accasciata a terra apparentemente senza dare alcun segno di malore. Qualcuno avrebbe cercato di rianimarla ma senza ottenere risultati ma neppure i soccorritori, giunti poco dopo, sono riusciti a fare nulla. Gli amici e il fidanzato di Rosa avrebbero detto agli inquirenti che la ragazza aveva bevuto solo qualche drink, tra l’altro nulla di particolarmente alcolico. Sul corpo non sarebbero state trovate tracce di lesioni o violenza. Solo l’autopsia potrà fare luce sulla vicenda.

ELEONORA DOTTORI

D: Chi dispone l’autopsia e in quali casi?

R: L’autopsia viene disposta dal personale sanitario quando non sia evidente la causa di morte. Nel periodo intermedio l’Autorità Giudiziaria, qualora vi sia il sospetto che la morte possa essere connessa o derivata da un fatto-reato, potrà disporre il sequestro della salma e la sua conservazione, per poi eseguire al più presto l’esame autoptico con tutti i rilievi e gli accertamenti necessari, nella forma dell’accertamento urgente e non ripetibile previsto dall’articolo 360 del Codice di Procedura Penale. Dall’esame autoptico si riescono a verificare importanti particolari, come l’orario del decesso, la posizione, l’eventuale arma usata, il tipo di violenza esercitata e le connotazioni personali del colpevole, etc.


AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply