Ti Piace Perdere Facile? Quando Il Gioco Diventa Un Azzardo

INCONTRO-APERITIVO CON L’ESPERTO AVV. OSVALDO ASTERITI E IL GIORNALISTA GIAMPAOLO MILZI.

20 maggio 2016- Museo del Giocattolo – Via Matas n.21 (Vicolo Bonarelli), Ancona- Ingresso e aperitivo gratuito

GiocoAzzardoFatto&DirittoTornano gli SMS- SPRITZ MULTIMEDIALE SOCIALE dell’ASSOCIAZIONE FATTO&DIRITTO- Occasioni per riflettere con la cittadinanza di problemi quotidiani della società davanti ad un buon aperitivo.

Il gioco d’azzardo è un fenomeno che per le sue dimensioni, ma soprattutto per le sue implicazioni, sociali, economiche e finanche sanitarie, non può essere ignorato né tanto meno sottovalutato.

I dati quantitativi del fenomeno sono spaventosi e restituiscono la percezione dell’atteggiamento dello Stato nei confronti dei giochi con vincite in denaro.

Nel 2015, quasi 88 miliardi di raccolta, soldi che gli italiani, sottraendoli all’economia reale del paese, hanno bruciato in azzardo, inseguendo una chimera irraggiungibile, ma molto attrattiva e cinicamente pubblicizzata.

Ma il gioco d’azzardo legale non è solo fatto di grandezze economiche, è anche disagio sociale, sofferenza personale, malattia.

Secondo stime utilizzate dallo stesso Ministero della Salute, ci sono oggi in Italia oltre 800.000 malati di Gap e circa due milioni sarebbero giocatori problematici.

Ma, se questo è il quadro di riferimento, viene da chiedersi come mai lo Stato incentivi il gioco d’azzardo, come intenda tutelare la salute dei cittadini rispetto a un fenomeno che con una mano promette di limitare e con l’altra invece promuove in tutte le sue forme.

Questa e altre domande rivolgeremo all’Avv. Osvaldo Asteriti che con il suo blog, attraverso gli strumenti propri della sua professione, e con altre iniziative di comunicazione cerca di svelare il lato oscuro del gioco d’azzardo legale. E il giornalista Giampaolo Milzi, Direttore dell’Urlo e di Fatto&Diritto Magazine, ci aprirà le porte dei dati del fenomeno a livello locale.

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply