Anziana risponde all’avviso di sfratto con un colpo di fucile

CHIETI, 12 LUGLIO ’12 – Impaurita, disorientata. Potrebbero essere queste le sensazioni provate da un anziana donna di San Martino di Chieti che stava per ricevere un avviso di sfratto. Lei, 72 anni, aveva vissuto gran parte del tempo in quell’abitazione che era stata venduta e così, quando il figlio del nuovo proprietario unitamente all’ufficiale giudiziario si sono recati sul posto, ha reagito nel peggiore dei modi. Ha imbracciato un fucile da caccia e fatto fuoco. I nuovi proprietari avevano bisogno che i locali fossero sgombri per poter andare a vivere nella nuova casa ma non avevano fatto i conti con la reazione dell’anziana che quando ha visto la porta di casa aprirsi ha fatto fuoco puntando l’arma contro l’ufficiale giudiziario. Ad avere la peggio invece è stato il figlio del nuovo proprietario, colpito alla spalla e immediatamente sottoposto ad un intervento chirurgico al polmone per estrarre il proiettile. L’uomo si trova in prognosi riservata all’ospedale di Chieti. L’anziana invece è stata arrestata con l’accusa di tentato omicidio.

ELEONORA DOTTORI

D: Possono configurarsi delle attenuanti per l’anziana?

R: Potrà, magari un po’ forzatamente, essere applicata l’attenuante dell’aver agito per motivi di particolare valore morale e sociale. In ogni caso il giudice, nella valutazione in concreto della pena, muovendosi tra i minimi e i massimi, potrà considerare positivamente la particolarità dei motivi a delinquere dell’imputata.

AVV.TOMMASO ROSSI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply