17 persone decapitate dai Talebani: stavano festeggiando in casa con della musica

KANDAHAR 28 AGOSTO 2012: Gli insurrezionalisti islamici Talebani hanno decapitato 17 civili che stavano partecipando ad una festa con la musica. E’ successo la scorsa notte, in un villaggio del sud dell’Afganistan. “Posso confermare che questa è opera dei Talebani” ha dichiarato il portavoce del governatore provinciale Ahmadi. Tra le vittime, 15 uomini e 2 donne. Gli abitanti del villaggio avevano organizzato una festa con la musica e probabilmente le due donne stavano danzando in un’area sotto il controllo dei Talebani. Le feste segrete dove si danza sono abbastanza comuni nel sud dell’Afganistan , tra le tribù nomadi.

Durante il dominio dei Talebani in Afganistan (1996-2001), erano proibite feste, film , musica, danze e perfino la miscelazione di uomini e donne che non fossero già collegati da legami di parentela. L’area di Helmand è una di quelle che ha conosciuto per prima la riduzione delle truppe americane – si legge sul New York Times. Gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare le truppe dal paese, da un picco di 103.000 lo scorso anno, a 68.000 previste per ottobre. Il portavoce della NATO, Colonnello Hagen Messer of Germany ha confermato che due soldati delle sue truppe sono stati uccisi da soldati Afgani nella provincia di Laghman, ma non è andato oltre nel commento. Nell’ultimo periodo ci sono stati 33 attacchi come questi, uccidendo 42 membri della coalizione, principalmente americani. Lo scorso anno ve ne sono stati 21, uccidendo 35 soldati e nel 2010, 11 attacchi con 20 vittime. Tuttavia, dichiara il portavoce, le forze di coalizione non si stanno tirando indietro dal collaborare con gli Afgani per via di questi attacchi. Il portavoce dei Talebani, Zabiullah Mujahid , dice di non poter confermare una relazione tra la sparatoria di Lunedì e i Talebani. Nei precedenti attacchi interni, i Talebani hanno sempre rivendicato gli attacchi e dato un nome ai responsabili.

CLARISSA MARACCI

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply