La telecronaca ‘ tifosa’ tradisce Pellegatti che insulta Conte a microfoni aperti: ‘ Testa di c….’

MILANO, 27 FEBBRAIO’12 – Il big match di sabato sera fra Milan e Juventus era di già carico di tensioni prima del calcio d’inizio ed il gol (evidentemente valido), annullato dal guardalinee a Muntari, ha mandato in escandescenza gli animi dei tifosi rossoneri: fra questi anche lo storico telecronista-tifoso del Milan, Carlo Pellegatti, che commentava la partita per Mediaset Premium da San Siro. Al termine dell’incontro, finito 1 a 1, la sua ‘ telecronaca tifosa’, che Pellegatti ama definire appassionata, si è trasformata in un attacco verbale, molto colorito e un po’ volgare, nei confronti dell’allenatore della Juve, Antonio Conte. Dopo il fischio finale, il cronista aveva commentato con un lapidario, ‘ che ingiustizia, che vergogna’, ma nel mentre, poco fuori dal tunnel era scoppiato un parapiglia fra i giocatori delle due squadre, in particolare fra Van Bommel e Chiellini, mentre Conte era andato a cercare l’arbitro Tagliavento, forse per dirgli qualcosa sull’altro gol ( probabilmente regolare anche questo) annullato alla Juve per fuorigioco di Matri. A questo punto, Pellegatti ha svestito totalmente i panni del giornalista, lasciandosi solo quelli del tifoso e si è lasciato andare, pensando di essere a microfoni spenti. Sfortunatamente non era così e gli insulti rivolti con voce incendiata, nei confronti di Antonio Conte, li hanno sentiti un po’ tutti ( anche perché ora quel finale di telecronaca è cliccatissimo anche sul web per chi si sia perso la diretta ). Pensava di aver restituito la linea alla studio, dopo aver ripetuto più volte: ‘ Conte è senza vergogna, Conte è senza vergogna, va a ringraziare Tagliavento, è senza vergogna….’ e così si è lasciato andare ed ha infierito: ‘Conte è malato mentale, vai negli spogliatoi! Che c….. rompi i c…… ! Guarda, che sta succedendo per colpa di quel testa di c….., colpa di quel testa di c……: vai negli spogliatoi! E guarda che per fare i……… Ambrosini ce ne vuole..’. Il microfono era aperto, appunto.

Resosi conto che oramai il guaio era fatto, Pellegatti, si è affrettato a scrivere sul sito Sportmediaset dove si è scusato con la Juventus, con Antonio Conte e con i tifosi juventini ‘ che si sono sentiti giustamente offesi’. Il cronista, ha spiegato che oramai da anni sono famose le sue telecronache volutamente ‘faziose’ o appassionate che dir si voglia, ma che come professionista ha sempre cercato di mantenere un degno contegno senza mai essere maleducato, ma che sta volta è stato ingannato dal microfono rimasto aperto, anche se, specifica Pellegatti, questa non può e non deve essere un’attenuante.  Certamente le parole del cronista hanno scaldato le due tifoserie e c’è da aspettarsi che al ritorno, allo Juventus Stadium, ci sarà più di una dedica per il giornalista tifoso. Pellegatti ha concluso il suo messaggio di scuse affermando che nella vita, capita di trovare una buca e che lui l’ha trovata in un sabato di febbraio.

A. D.

D: Conte potrebbe denunciare il giornalista?

R: Potrebbe proporre una querela per ingiurie aggravate, per aver proferito l’offesa contro l’onore e il decoro di Conte alla presenza di molte persone (gli utenti tv). La pena per il reato in forma semplice è della reclusione fino a 6 mesi o una multa fino a 516 €, competenza del giudice di pace. Nel caso aggravato la pena è genericamente aumentata. Potrebbe inoltre chiedere un risarcimento dei danni morali patiti

AVV.TOMMASO ROSSI

 

Print Friendly
FacebookLinkedIn

Leave a Reply